In una recente intervista con il programma radiofonico a diffusione nazionale Full Metal Jackie, il batterista Mikkey Dee ha parlato della chimica tra lui e gli altri membri della formazione finale dei MOTÖRHEAD, il chitarrista Phil Campbell e il defunto, grande Ian “Lemmy” Kilmister.

“Penso che il motivo per cui abbiamo lavorato così bene è che eravamo tre personalità diverse e tre volontà o idee diverse, ma è scattato davvero bene per noi. Abbiamo lavorato insieme in modo fantastico. Abbiamo avuto le nostre discussioni, ma tutto è finito in un grande cameratismo e rispetto reciproco, il che è stato fantastico. Quindi è stato molto facile, in un certo senso, lavorare insieme perché volevamo tutti la stessa cosa e avevamo quasi sempre la stessa visione. Così abbiamo tirato nella giusta direzione e nella stessa direzione. È stato fantastico. Naturalmente, ogni anno, con il passare degli anni, siamo diventati sempre più stretti”.

Dee, che è membro degli SCORPIONS dal 2016, ha anche parlato del recente set live dei MOTÖRHEAD, “Louder Than Noise… Live In Berlin”, contenente una registrazione del concerto della band del 5 dicembre 2012 al Velodrom di Berlino. Alla domanda se le uscite postume dei MOTÖRHEAD, come “Louder Than Noise… Live In Berlin”, gli portino gioia, tristezza o forse entrambe, Mikkey ha risposto: “Non tristezza, perché abbiamo passato anni fantastici insieme. Sei solo orgoglioso e hai i tuoi ricordi di tutto questo. Lemmy mi manca tremendamente, naturalmente, ma tutti noi abbiamo fatto così tante cose buone. Quando pubblichiamo una cosa nuova come questa, è semplicemente ‘Wow’, è fantastico. Ascolto il disco e dico: ‘Wow, abbiamo suonato quella canzone e questa canzone’. Naturalmente, ci siamo un po’ dimenticati come fosse esattamente la setlist. Ti sorprendi da solo di quanto sia bello lo spettacolo, e puoi quasi sentire l’odore dell’arena, com’era. È tutto buono, devo dire. Ma, naturalmente, ti viene in mente Lemmy e quanto è stato bello. Ma non mi dà tristezza. Mi manca solo lui, fondamentalmente. Mi piace pensare a Lemmy in modo totalmente positivo. Non ci provo – questo è quello che faccio in realtà – perché ci siamo divertiti così tanto e [abbiamo fatto] così tanto insieme che ho davvero a cuore il ricordo e la storia che abbiamo creato. Se vado in giro super triste ogni volta che sento il nome di Lemmy o facciamo qualcosa sui vecchi MOTÖRHEAD, sarà terribile. Quindi, mi metto un sorriso quando ascolto questo. Vado, ‘Wow, abbiamo fatto qualcosa di grande’. E posso effettivamente vedere e sentire Lemmy proprio di fronte a me, e questo mi porta felicità invece che tristezza”.

Lemmy è morto nel dicembre 2015 all’età di 70 anni poco dopo aver appreso che gli era stato diagnosticato un cancro.

Aveva affrontato diversi problemi di salute negli ultimi anni della sua vita, tra cui problemi di cuore, costringendolo a ridurre le sue famose abitudini di fumo.

I MOTÖRHEAD hanno dovuto cancellare una serie di spettacoli nel 2015 a causa della cattiva salute di Lemmy, anche se la band è riuscita a completare un ultimo tour europeo un paio di settimane prima della sua morte.

Lo scorso giugno è stato annunciato che Lemmy riceverà un trattamento biografico. Il prossimo film, “Lemmy”, sarà diretto da Greg Olliver, che ha già diretto l’omonimo documentario del 2010, “Lemmy”.

“Lemmy” entrerà in produzione alla fine di quest’anno, e la VMI presenterà il film al mercato virtuale di Cannes. Seguirà la vita di Kilmister che cresce a Stoke-on-Trent, diventando un roadie per Jimi Hendrix e un membro della seminale band di rock psichedelico HAWKWIND prima di formare i MOTÖRHEAD.

Author

Write A Comment

X