Correva l’anno 1989 ed era il giorno 4 agosto quando veniva pubblicato l’album ‘Practice What You Preach’, terzo in ordine cronologico per la band di San Francisco del gigante Chuck Billy.

I Testament, con il primo ed il secondo lavoro (rispettivamente ‘The Legacy’ e ‘The New Order’) si erano fatti notare da pubblico e critica. Tutti cominciavano a seguire la band con notevole interesse. I tour, le promozioni andavano bene, molto bene. Come spesso accade le aspettative sul nuovo lavoro sono molto alte. Pressioni, sollecitazioni tensioni. 

Ed ecco ‘Practice What You Preach’, un buon album ma non a livello dei due precedenti che avevano lanciato i Testament nel firmamento dell’heavy metal. L’album venne definito, dalla critica, il meno riuscito della band prima maniera. Questo non significa che sia un disco pessimo, l’album è buono, ripeto,  e le sue vendite furono comunque molto alte a dimostrare che i fan avevano iniziato a seguire fedelmente la band.

Tracce:
1 Practice What You Preach
2 Perilous Nation
3 Envy Life
4 Time Is Coming
5 Blessed in Contempt
6 Greenhouse Effect
7 Sins of Omission
8 The Ballad
9 Nightmare (Coming Back to You)
10 Confusion Fusion

Band:
Chuck Billy – voce
Eric Peterson – chitarra ritmica
Alex Skolnick – chitarra ritmica e solista
Greg Christian – basso
Louie Clemente – batteria

 

 

Redazione
Author

Write A Comment

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi