Esce oggi 24 maggio 2024 il nuovo album dei Remedy, band svedese formata da Robert Van der Zwan (voce, chitarre), Roland Forsman (chitarre, cori), Jonas Dicklo (basso, cori), Fredrik Karlberg (batteria) e Jonas Öijvall (tastiere). La formazione è attualmente al secondo disco, intitolato “Pleasure Beats The Pain” e uscito per Escape Music. Qui la nostra recensione.

Per l’occasione abbiamo rincontrato il fondatore e mente dietro la band, il chitarrista Roland Forsman. 

 

Bentornato Roland su LongLive Rock’n’Roll.it. Il vostro nuovo album, “Pleasure Beats The Pain”, è appena uscito. Qual è il messaggio principale che volete trasmettere attraverso questo lavoro?

Grazie mille per avermi invitato a questa intervista! Beh, abbiamo semplicemente continuato sulla stessa strada. Eravamo così pieni di energia dal feedback del nostro primo album e dalla straordinaria risposta che abbiamo ricevuto in tour dai fan, che praticamente non c’era altra opzione. Volevo entrare in studio e creare un album seguito il prima possibile per dimostrare che i Remedy sono una band che è qui per restare.

Come è nato il processo creativo dietro questo album? Ci sono state particolari fonti di ispirazione che avete utilizzato durante la sua creazione?

L’ispirazione per questo album è quasi esclusivamente tratta dalle esperienze di vita. Come ti ho detto, avevo una grande energia da tutto ciò che stava accadendo intorno ai Remedy, ma allo stesso tempo ho attraversato dei momenti difficili nella mia vita personale. Tuttavia, la gioia batte il dolore, così ho creato un sacco di canzoni e un album su questo.

“Pleasure Beats The Pain” è un titolo molto evocativo. Cosa vuoi comunicare al pubblico attraverso questo titolo?

È in qualche modo personale, e ho risposto a metà della storia nella domanda precedente. Ma avrai la risposta completa intorno a Halloween. Quindi restate sintonizzati! 

Quali sono le principali differenze e somiglianze tra questo album e “Something That Your Eyes Won’t See”?

Sebbene sia davvero orgoglioso del nostro primo album, sento anche che era “nella scatola” di ciò che ci si aspetta da un album di rock melodico. Quindi questa volta, sono stato un po’ più audace riguardo alle variazioni delle canzoni. Volevo fare un album che avesse una canzone per tutti.

Ci sono brani nell’album che ti sono particolarmente cari o che hai trovato più difficili da creare?

‘Something They Call Love’ è stata come una lunga sessione di terapia per me, ed è destinata a chiudere l’album. ‘Crying Heart’ ha richiesto circa cinque anni e un sacco di versioni diverse prima che fossi soddisfatto. Quindi quella ha richiesto un po’ di tempo, ma sono davvero felice del risultato!

Nell’intervista precedente (qui per leggerla), Vittoria ti aveva chiesto da dove venisse il nome Remedy. Io pensavo alla canzone dei Black Crowes, per essere onesti. Cosa ne pensi della reunion di questi gruppi storici? Per esempio, Sebastian Bach ha recentemente accennato a un possibile ritorno con gli Skid Row…

In realtà non ho un’opinione delineata sull’argomento. Le persone possono fare ciò che vogliono. E se riunirsi con vecchi membri della band e riunire le band è la formula per la felicità, per favore fatelo. Ma credo che spesso ci siano vecchi rancori nell’ombra. Voglio dire, c’è sempre una ragione per cui le band e le persone si separano. Avere una band è come un matrimonio, potresti essere sulla stessa onda all’inizio, ma non sempre finisce bene (ride).

Pensi che il rock sia morto come ha detto Gene Simmons, o ci sono band che potrebbero prendere il posto di headliner nei festival?

No. Il rock non è morto. Solo avere questa intervista prova che ha torto. E riguardo alle nuove band, ce ne sono un sacco di davvero forti. La gente deve solo alzare la testa e vedere cosa c’è davanti a loro. Scopro nuove band fantastiche ogni settimana! Certo, le vecchie band gigantesche sono il fondamento di tutto, ma il Rock’n’Roll vivrà molto dopo la loro morte. Il rock è un’energia che non può morire. E riguardo ai nuovi headliner; ehi, siamo in fila! 

Quali sono i vostri piani futuri riguardo ai tour o a nuove produzioni?

Il nostro tour estivo è iniziato il 17 e siamo davvero entusiasti di questo! Abbiamo iniziato come headliner a un festival estivo a Fagersta, in Svezia! E adesso esce il nostro album ‘Pleasure Beats the Pain’, e avremo una settimana piena di interviste e concerti! Quindi il nostro calendario è pieno di emozionanti cose dei Remedy e tour nel prossimo futuro! 

Avatar
Author

Comments are closed.