Blackmore’s Night – Burg Abenberg Open Air, 6 luglio 2019

Lo storico chitarrista dei Deep Purple e Rainbow in concerto nel borgo della Baviera

Abenberg, Germania.

Ci separano “soltanto” 700 km dalla nostra meta, il piccolo borgo di Abenberg immerso nella Baviera. Il viaggio è dannatamente lungo ma chilometro dopo chilometro sale l’eccitazione per l’evento di questa serata d’estate: il concerto dei Blackmore’s Night.
Dopo essere entrati in Austria, passiamo Monaco di Baviera e respiriamo aria di concerto. Finalmente giungiamo a destinazione. Il paese di Abenberg è molto carino e ovviamente il pezzo forte è il suo castello dove si terrà il concerto.
Entriamo nell’ampio cortile e osserviamo subito il palco, allestito con una scenografia fiabesca. In giro ci sono piccoli stand dove si può bere e mangiare. All’entrata troviamo una postazione dove vendono magliette e cd dei Blackmore’s Night e del gruppo che aprirà la serata, i Fairytale.

In anticipo sulla tabella di marcia sale sul palco la band tedesca, composta da Berit alla voce e violino, Laura voce principale e Olli alla chitarra.
Nonostante l’esibizione sia stata breve, i Fairytale sono riusciti a conquistare e coinvolgere il pubblico con brani come ‘Waterfall’, ‘Wassergeister’ e ‘Voice Of An Elf’ ottimo esempio di folk music con influenze celtiche. Rispetto all’ultimo disco ‘Autumn’s Crown’ i brani sono più lineari e meno arrangiati, ma funzionano ugualmente e il feeling con il pubblico è ottimo.
A fine concerto la band si è dedicata all’incontro con i fans, a scattare fotografie e firmare autografi.

Il tempo di bersi una birra e mangiare un panino e i Blackmore’s Night salgono sul palco.
Intro e si parte con la coinvolgente ‘Locked Within The Crystal Ball’ seguita da ‘Darkness/Dance Of The Darkness’. I volumi non sono proprio il massimo, soprattutto c’è molta differenza tra il basso (troppo alto) e la chitarra di Blackmore, quasi inesistente. Candice Night si conferma simpaticissima oltre che davvero brava dietro il microfono. Con ‘Under A Violet Moon’ si entra nel vivo del concerto, e con la sempre emozionante ‘Soldier Of Fortune’ la band arriva direttamente al cuore delle persone, testimonianza è l’applauso finale.
Il concerto prosegue con alcuni spassosi dialoghi tra Candice e la band e il pubblico, tra ricordi di tempi lontani, aneddoti riguardanti i pezzi e battute scherzose. Ovviamente non manca la musica. La strumentale ‘Durch Den Wald Zum Bach Haus’, ‘Allan Yn N Fan’, ‘Home Again’, la sempre eterna ‘Greensleeves’, la cover di ‘Moonlight Shadow’ di Mike Oldfield durante la quale il pubblico canta il ritornello incitato dalla band, la dolcezza di ‘Barbara Allen’ e ‘Diamond And Rust’ (cover di Joan Baez) un brano senza tempo, semplicemente stupendo e il puro divertimento di ‘Toast To Tomorrow’, ce né per tutti i gusti. Questa, come annunciato verso l’inizio della serata da Candice, sarà l’ultima data del ‘Nature’s Light Tour 2019’ ma non c’è spazio per la tristezza, la musica è vita, la musica è energia e sentimento.

I Blackmore’s Night sanno tenere il palco molto bene, l’attenzione è quasi sempre focalizzata su Candice Night ma non dimentichiamoci che al suo fianco c’è Richie Blackmore, uno dei chitarristi più importanti della storia della musica.
Gli anni passano per tutti e il buon Richie magari non sarà più il virtuoso istrionico di un tempo, ma il suo tocco rimane inconfondibile e la sua classe nel pizzicare le corde è unica e inimitabile.
Il resto della ciurma è composto da Earl Grey Of Chimay estroso e simpatico bassista (e chitarrista), Bard David Of Larchmont alle tastiere, Troubador Of Aberdeen alla batteria e dalle due coriste sempre preziose nel supportare Candice.

Il piccolo borgo di Abenberg è stata una scelta azzeccata, la location è perfetta per questo tipo di musica, mi piacerebbe vedere a tal proposito i Blackmore’s Night in uno dei nostri bellissimi castelli sparsi in tutta Italia.

La serata è così finita in allegria, una festa della musica che ha accontentato tutti. Non ci resta che dirigerci alla macchina e andare a dormire, domani sarà un lungo viaggio.

Setlist:

Do You Hear The People Sing? (intro)
Locked Within The Crystal Ball
Darkness/Dance Of The Darkness
Under A Violet Moon
Soldier Of Fortune
Durch Den Wald Zum Bach Haus
World Of Stone
Allan Yn N Fan
Renaissance Faire
Home Again
Greensleeves
Moonlight Shadow
Barbara Allen
Toast To Tomorrow
Faerie Queen
Diamonds & Rust
Midwinter’s Night/Dandelion Wine

Articoli Correlati

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*