Diaframma live questo sabato al Vidia Club di Cesena

La storica band post-punk new wave fiorentina diretta dal carismatico Federico Fiumani si esibirà questo sabato al Vidia Club di Cesena, ecco tutte le info su biglietti e orari.

 

Diaframma live
L’Abisso tour
Sabato 13 aprile | Vidia Club | Cesena

❯ Apertura: 21:45
❯ Live: 22.30
❯ DJset fino alle 4.00 con
Stefano Gardelli The Terrible Cece
e Filippo Aletti Dj Aletti

12€
 Vidia Club vidiaclub.com
TicketOne  online e presso punti vendita
bit.ly/DiaframmaVidiaUGO
(puoi ottenere 1 drink e ingresso gratis / rimborso)

Biglietto in cassa
lista 12€ / intero 15€ / tavolo 15€

“L’abisso” è il 20esimo disco in studio dei Diaframma ed arriva dopo 5 anni dall’uscita del precedente “Preso nel Vortice” del 2013. Cinque anni in cui Federico Fiumani non è certo stato con le mani in mano, vista l’incessante attività live e l’uscita di raccolte, ristampe e live che sono andati ad impreziosire una discografia che dal loro primo singolo del 1982 conta più di 50 uscite.

Con “L’abisso” Federico torna a raccontare le sue storie con la sincerità che da sempre lo contraddistingue e a darci la sua prospettiva sui rapporti personali, su quella vita che lo sta portando a varcare la soglia dei 60 anni. Un disco importante per le canzoni che contiene, per il sound maturo che è il marchio di fabbrica del suo alter ego musicale, quei Diaframma che sono oggi l’esperienza più longeva e continuativa della scena musicale indipendente nata in Italia negli anni ’80; un patrimonio musicale che ha ispirato una moltitudine di musicisti nostrani.

Per il sottoscritto “L’abisso” rinnova un rapporto di collaborazione nato trenta anni fa. Nella Firenze degli anni ’80 io con la mia trasmissione a Controradio e con varie collaborazioni, cercavo di vivere la musica nel modo più completo possibile. Seguivo i Diaframma dalla loro nascita e come tanti avevo in “Siberia” uno dei punti di riferimento per la definizione di quello che volevo dalla musica. Avevo intervistato Federico più volte, ci conoscevamo e ci vedevamo in giro ai concerti. Parlavamo poco ma sapevo della sua passione per i Television ed i Ramones e questo bastava.
Mi sorprese la sua proposta di diventare il tour manager dei rinnovati Diaframma. Dopo lo scioglimento e separazione da Miro Sassolini, Federico nel 1989 decise di cominciare a cantare le sue canzoni. Stava prendendo vita “Gennaio”, l’ep che segnava la nuova rotta. Avevo svolto tanti ruoli nel mondo musicale (e ancor più ne avrei svolti successivamente) ma non ero mai stato in tour, non avevo mai vissuto quel tipo di esperienze, come non avevo mai fissato concerti, incassato cachet per conto di altri e risposto a notte fonda alle fans che chiamavano sul telefono di casa dei miei genitori, visto che Federico aveva messo, a mia insaputa, quel numero sui manifesti dei concerti. Fu una esperienza importantissima e molto divertente che poi, grazie alla fiducia che Federico per primo e poi altri ebbero in me, mi ha convinto a mettere da parte quello che avevo studiato e a voler lavorare a tempo pieno con la musica.

Negli anni successivi ho seguito Federico ed i Diaframma nel loro lavoro, ma la cosa che ha influenzato più profondamente il mio percorso professionale è la sua attitudine a gestire e ad avere in mano tutta la sua attività musicale e professionale. Lavorando spesso anche direttamente con gli artisti, mi sono trovato a parlare del ruolo, necessario oggi, di una mentalità “artist-preneur” dell’artista. Federico in questo è stato per me uno dei punti di riferimento più importanti. Non è facile gestire da soli il processo creativo e lo sviluppo professionale della propria carriera. E Federico Fiumani, che festeggia oggi i trent’anni con la sua Diaframma Records, è la Musica Indipendente, la forza, la passione, l’urgenza, la testardaggine, la convinzione, il lato più ruvido, la fragilità e la dolcezza nascosta dell’artista vero.
Io e Federico siamo estremamente diversi caratterialmente e come approccio alle cose; ci lega la musica, la sincerità che ognuno di noi mette a suo modo nelle cose che vive.
Collaborare con lui è sempre molto creativo. E’ stato così anche in passato. Mi ha sempre chiesto molti pareri e poi l’ho visto seguire, sicuro, sempre la sua strada.
Come adesso.

“Federico dovresti scrivere le note stampa per presentare il nuovo disco”.
“Andrea, io credo che un disco debba parlare con la sua musica”.
“Si Federico, ma è importante anche presentare il disco per dare degli spunti su cui parlarne”.
“…. ciao Andre, qui di seguito la presentazione del disco: L’ Abisso perché io fra un anno e mezzo ci finirò dentro, visto che compirò 60 anni… entrerò ufficialmente nella vecchiaia, un abisso dal quale non si esce più. E poi ” L’ abisso ” è quello dove secondo me sta sprofondando l’ Occidente, sempre più schiavo e al servizio della tecnologia e del potere economico.”.
“Bene Federico, che ne dici di partire da questo e raccontare un po’ di più?”
Suona il cellulare.
“Andrea ho pensato che la cosa migliore sarebbe che tu raccontassi qualcosa della nostra collaborazione e perché ti va lavorare per i Diaframma.”
Ecco fatto. Ma adesso come la mettiamo con i social, i like ed il duepuntozero?

Andrea Sbaragli, A Buzz Supreme

#VIDIA35
vidiaclub.com
 3491914005
Twitter: @vidiaclub
Instagram: @vidiaclub

Articoli Correlati

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*