Andromeda Relix – 2015

Prima uscita con la Andromeda Relix per i Fatal Destiny, formazione veronese di ben 6 componenti con alla voce Andrea Zamboni , Nicolò Dalla Valentina alla batteria, Filippo Zamboni al basso, Riccardo Castelletti alla chitarra Alessandro Bertoni, special guest alle tastiere.

Atmosfere apocalittiche e malinconiche ma non di rassegnazione per la prima traccia omonima con intro di campane a cui seguono subito futuristici effetti synth, “Palindromia”, che rivela subito il lavoro ambizioso con il prog classico proposto con ampi spunti alternative; l’impronta Dream Theater è assicurata dalle tastiere di Bertone, registrate presso gli studi di Derek Sherinian, ma echi altrettanto moderni di Pain of Salvation e Opeth, quelli nella nuova veste prog ovviamente, son ravvisabili nelle ritmiche piùlegate ai suoni piùmoderni e rifiniti, quanto il prog classico 70’ nella successione di scale ascendenti. Ampie parte strumentali con alternanza di vigorosa sezione ritmica e tastiere a che di volta in volta sono in primo piano con varietà  di suoni o intermezzo e sottofondo per gli altri strumenti rendono i brani tesi e vari allo steso tempo, anche in quelli piùbrevi e in quelli in cui la caratteristica iniziale della ballad la fa da padrona (come in “Feel alone”), ma poi apre a variazioni e cambi di tempo propriamente prog. Zamboni alla voce, autore anche delle liriche dell’album, dotato di un particolare e acuto timbro, non si risparmia in estensioni differenti e vocalizzazioni, ma a suo agio anche nelle parti piùmelodiche.

Una buona prova e un’ ottima produzione per un gruppo che ha talento di base in tutti i suoi componenti da potenziare e valorizzare, perché idee sonore, contenutistiche, di immagine della band, appaiono chiare, e la difficoltà  è semmai quella di tradurle fedelmente in musica rispetto alla materia sonora embrionale che deve prendere forma.

La resa di così tanto materiale sonoro in sede live sarebbe poi ottimo banco di prova per la band e piena soddisfazione per i fan.
L’ autocitazione sinistra per la conclusione dell’album ( è l’intro della palindromia, quindi l’eventuale nuovo inizio nell’ascolto a ritroso dell’album, che intendono? Non è data risposta”…) che richiama la tanto conosciuta pratica del riconoscere messaggi satanici nell’ ascolto a ritroso dei vinili. Consueta inquietudine dell’anima che continua a interrogarsi e mettersi in discussione, di cui i Fatal Destiny son ben consapevoli.

www.facebook.com/fataldestinyofficial

Tracklist:
Palindromia
Beyond Dreams
Leave Me Here
The Gate Of Time
Feel Alone
Dear Amy
Human Factory
No Devil Lived On

Band:
Andrea Zamboni – voce
Riccardo Castelletti – chitarra
Nicolò Dalla Valentina – batteria
Filippo Zamboni – basso

guest:
Alessandro Bertoni – tastiere

 

 

Aggiungi ad Anti-Banner

Write A Comment

X