Ozzy Osbourne ha reso omaggio al suo ex batterista Lee Kerslake, morto ieri (sabato 19 settembre) in seguito a una battaglia contro il cancro. Aveva 73 anni.

Ozzy si è recato sui social media per condividere una foto di lui e Lee durante le sessioni di registrazione dell’album “Blizzard Of Ozz” al Ridge Farm Studio nel West Sussex nel 1980, e ha incluso il seguente messaggio: “Sono passati 39 anni da quando ho visto Lee, ma lui vive per sempre sui dischi che ha suonato per me, Blizzard of Ozz e Diary of a Madman. Lee Kerslake RIP”

Lee è stato membro della band di Ozzy nel 1980 e nel 1981 durante l’era di Randy Rhoads, esibendosi nei primi due album solisti del cantante.

Nel gennaio 2019, Kerslake è stato inserito nella Hall Of Heavy Metal History di Anaheim, California. Durante la sua introduzione, Kerslake è stato presentato con due dischi di platino per il suo lavoro con il frontman BLACK SABBATH. La presentazione è stata filmata per il documentario di Kerslake.

Da allora Kerslake aveva esaudito il suo desiderio, poiché Ozzy aveva condiviso una foto sui social media di Lee seduto su un divano con in mano i dischi di platino “Blizzard” e “Madman”, una lettera scritta a mano da Ozzy posta sul suo petto.

“Sono così felice che Lee Kerslake si stia godendo i suoi dischi di platino di Blizzard e Diary”, ha scritto Osbourne in una didascalia di accompagnamento. “Spero che si senta meglio. Con amore, Ozzy”

Secondo la Recording Industry Association Of America (RIAA), “Blizzard Of Ozz” del 1980 è stato certificato quintuplo platino per spedizioni superiori a cinque milioni di copie, mentre “Diary Of A Madman” del 1981 è stato certificato triplo platino per più di tre milioni di unità vendute.

Kerslake e il bassista Bob Daisley erano stati coinvolti in una battaglia legale con gli Osbournes per molti anni, che aveva avuto un enorme impatto finanziario sul batterista.

“Sono andato in bancarotta a pancia in su quando ho perso la causa contro Sharon e Ozzy Osbourne in tribunale”, ha detto Lee a The Metal Voice. “Mi è costato centinaia di migliaia di dollari e ho dovuto vendere la casa e poi ho iniziato ad ammalarmi. Non sono mai riuscito a rialzarmi, ma una certificazione di platino sulla mia parete per questi album sarebbe stata fantastica e avrebbe detto che ho contribuito a creare quegli album”.

 

Redazione
Author

Write A Comment

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi