Axel Rudi Pell – The Crest

 

SPV / Steamhammer – Aprile 2010

Tredicesimo album in studio per il biondo chitarrista tedesco, Axel Rudi Pell, sinonimo di coerenza e genuinità. Sempre accompagnato dal fido Gioeli alla voce e dal tentacolare drumming di Mike Terrana, Pell non ha quasi mai deluso le attese dei propri fan. Pur non inventando nulla di nuovo, l’heavy metal del chitarrista ha sempre raccolto consensi tra gli appassionati del genere. The “Crest” giunge a due anni di distanza da “Tales of the Crown” seguito da un lungo tour.

Dopo la classica intro epica, Axel attacca con un riff semplice ma incisivo. “Too Late” è un’ottima opener, non velocissima come ci si potrebbe aspettare, ma d’effetto, complice anche un tappeto di tastiere evocative. Una melodia dal vago sapore medioevale introduce “Devil Zone”, che poi si trasforma in un brano decisamente heavy ma con un andamento alla Ronnie Dio. Ottimo il riff di “Prisoner of Love”, molto devoto agli Scorpions di “Rock you like a Hurricane”, ma si sa loro sono i maestri indiscussi dell’hard’n’heavy crucco… Dopo l’anonima “Dreaming Dead”, ecco arrivare un dolce pianoforte e la ballata “Glory Night”, classica nel suo incedere e nella melodia, ottimamente interpretata da Johnny Gioeli, singer ormai maturo e molto personale. Un paio di episodi sottotono (“Dark Waves of the Sea” e “Burning Rain”), ma per il resto possiamo tranquillamente parlare di un album ben riuscito, che non si discosta molto dagli standard qualitativi del progetto Axel Rudi Pell.

Personalmente avrei preferito fossero più presenti brani dai tempi un po’ più veloci come la sopracitata “Prisoner of Love”. Una sorta di heavy rock melodico ma al tempo stesso di forte impatto con belle melodie vocali. Il progetto di Axel continua senza intoppi e credo che meriti tutto il nostro rispetto, anche se avvolte la coerenza non paga. Consigliato ai nostalgici ma non solo…

www.axel-rudi-pell.de

Tracklist:
1. Prelude Of Doom (Intro)
2. Too Late
3. Devil Zone
4. Prisoner Of Love
5. Dreaming Dead
6. Glory Night
7. Dark Waves Of The Sea (Oceans Of Time Pt. II: The Dark Side)
8. Burning Rain
9. Noblesse Oblige (Opus #5 Adagio Contabile)
10. The End Of Our Time

Band:
Johnny Gioeli – voce
Axel Rudi Pell – chitarra
Volker Krawczak – basso
Mike Terrana – batteria
Ferdy Doernberg – tastiere

 

Articoli Correlati

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*