Dark Angel – Darkness Descends

 

Combat Records – 1986

The city is guilty, the crime is life, the sentence is death, darkness descends

A distanza di trent’anni queste parole associate alla musica mi mettono ancora i brividi. I Dark Angel con “Darkness Descends” anno 1986, scrivono il loro disco più maligno, un pilastro del thrash metal che ancora oggi mantiene quell’aura di mistero a tinte horror che già dalla copertina inquieta l’ascoltatore e non lascia tregua per quasi quaranta minuti.

Sette brani in cui si intravede quell’evoluzione tecnica e compositiva che qualche anno dopo porterà al capolavoro assoluto “Time Does Not Heal”.

Dopo un disco d’esordio non esaltante (“We Have Arrived” del 1985), “Darkness Descends” cambia le carte in tavola e fa scoprire al mondo del thrash metal un’altra grande band, che ha come principale compositore quello che poi è diventato uno dei più influenti batteristi metal, Gene Hoglan.

La title track è uno di quei pezzi che rimangono nella storia, dove non c’e’ nulla lasciato al caso e dove i tecnicismi dei due chitarristi Eric Meyer e Jim Durkin risultano essere sempre perfetti e mai stucchevoli. “The burning Of Sodom” risente dell’influenza degli Slayer anche se il marchio di fabbrica dei Dark Angel è ben presente. Scheggia impazzita che fa impallidire le produzioni death oriented di oggi.

Non c’e’ un attimo di tregua in questo disco, così anche “Hunger Of The Undead” è violenza allo stato puro, thrash grezzo che gronda sangue. “Merciless Death” e “Death Is Certain (Life Is Not)” sono altre due mazzate che confermano l’ottimo songwriting di “Darkness Descends”.

Il disco si chiude con la lunga “Black Prophecies” e “Perish In Flames” e noi dopo averle ascoltate dobbiamo per forza riposare.

I Dark Angel con questo disco si ritagliano un posto di tutto rispetto nel mondo thrash e se amate questo genere non potete non averlo.

Purtroppo un’epoca è finita e quell’ingenuità e genuinità che spesso trovavamo in molti gruppi oggi si è persa. Io guardo avanti ma una parte di me ha una fottuta nostalgia di dischi così.

www.darkangelthrash.com

Tracklist:
1.Darkness Descends
2.The Burning Of Sodom
3.Hunger Of The Dead
4.Merciless Death
5.Death Is Certain (Life Is Not)
6.Black Prophecies
7.Perish In Flames

Band:
Don Doty – voce
Eric Meyer – chitarra
Jim Durkin – chitarra
Mike Gonzalez – basso
Gene Hoglan – batteria

 

1380405307mzd

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


X