Warner Bros. – Settembre 1971

Quando si parla di hard rock, si parla inevitabilmente dei Deep Purple (e guai se non fosse così) e se si pensa ai loro lavori fondamentali, le pietri miliari di un genere intramontabile, bisogna pensare ad alcni album che hanno fatto la storia della musica rock, hard rock e mettono le basi per quel che sarà poi considerato heavy metal, ovvero: “In Rock”, “Fireball”, “Machine Head”. Senza questi album il rock non sarebbe stato più lo stesso, e almeno per il momento non lo sarà. Fireball è l’album intermedio, quello che deve servire da passaggio per la gloria e l’immortalità.

Il songwriting di “Fireball” inizia nell’autunno 1970. La band prevede di trascorrere l’intero mese di settembre  a registrare presso i De Lane LeaStudios di Londra, ma i piani non vengono rispettati (come spesso accade) e il gruppo britannico si dedica ad alcune apparizioni televisive e si tuuffa in alcuni concerti nel Regno Unito e in Francia. Alla fine del mese l’unica traccia ultimata è la “Anyone’s Daughter” un po’ country e nata da un giro improvvisato da Ritchie Blackmore. Nei successivi due mesi la band registra “Strange Kind of Woman” (inizialmente intitolata “Pronstitute”, ci eravmo resi conto subito di cosa parlasse anche senza sapere del titolo iniziale differente da quello che oggi noi conosciamo) e che non viene inserita nell’album ma solo nel singolo; una delle canzoni hard rock più famose scritta dai Deep Purple. A completare  la tracklist si aggiungono la dura opener dall’intro di batteria più famoso del rock’ “Fireball”, la ritmata “No No No”, “Demon’s Eye”, “The Mule” con uno strepitoso solo di batteria di Ian Paice (infinito assolo che verrà poi reso immortale nel live del 1972 ‘Made in Japan’) “Fools”, “No One Came”.

Se volete tornare a scuola di’hard rock questo è l’album di testo che fa per voi, tra l’altro ora disponibile in versione  rimasterizzata (pubblicata anche per il venticinquesimo anniversario) con Colour Booklet, B-Sides e inediti. Cos’altro si può chiedere a una delle più grandi band rock di sempre? Di non smettere mai di farci sognare…

www.deeppurple.com

Tracklist:
1. Fireball
2. No No No
3. Demon’s Eye
4. Anyone’s Daughter
5. The Mule
6. Fools
7. No One Came

Band:
Ritchie Blackmore – chitarra
Ian Gillan – voce
Jon Lord – hammond
Ian Paice – batteria
Roger Glover – basso

 

Redazione
Author

Write A Comment

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi