Eldritch – Gaia’s Legacy

 

 

Scarlet Records – Settembre 2011

Sono trascorsi tre anni dal precedente “Blackendays” e questo autunno 2011 vede il ritorno degli Eldritch con il loro ottavo album dal titolo “Gaia’s Legacy”. Oramai la band italiana non ha bisogno di presentazioni poichè è conosciuta ed apprezzata ovunque.

Lo sforzo creativo di questo lavoro è davvero apprezzabile poichè ci troviamo di fronte ad un concept che affronta una tematica più che attuale di cui si continua a parlare da molto e molto tempo, ovvero gli effetti negativi e devastanti causati dall’uomo sul nostro pianeta, quelli che conosciamo col nome di ‘global waming’. Il filo conduttore prende spunto dal film documentario di Al Gore “An Inconvenient Truth”. Il lavoro di ricerca di informazioni a tal riguardo è durato all’incirca tre anni da parte del singer Terence Holler, che si è occupato di scrivere i testi di tutti i brani.

Ciò che risalta subito è il ritorno alle radici progressive più profonde e radicate della band italiana. Un ritorno che farà contenti i vecchi fan della band che avevano storto il naso con la produzione precedente, ma sono convinto che anche chi si approccia per la prima volta all’ascolto del gruppo toscano rimarrà impressionato positivamente. La complessa stesura dei brani amplifica la complessità dell’album che mette in risalto le ottime doti tecniche e stilistiche dei componenti, ma il lavoro è ricco di altre influenze che variano dal thrash all’aor, dal power a momenti più attuali. Brani come “Vortex Of Disaster”, “Thinning Out” e “Like A Child” (con la pertecipazione alle tastiere di Bob Katsionis, Firewind) lasciano davvero senza fiato. I nuovi inserimenti Rudj Ginanneschi e Gabriele Caselli (rispettivamente chitarra e tastiere) danno quella spinta in più tra aggressività e potenza, melodia ed irriverenza… Da citare anche la cover dei Fates Warning “Through Different Eyes”, niente male davvero…

www.eldritchweb.com

Traklist:
1. Gaia’s Anger
2. Deviation
3. Our Land
4. Vortex Of Disaster
5. Mother Earth
6. Everything’s Burning
7. Thinning Out
8. Like A Child
9. Signs
10. Thoughts Of Grey
11. Thirst In Our Hands (Gaias Lament)
12. Through Different Eyes (Fates Warning Cover)

Band:
Terence Holler – voce
Eugene Simone – chitarra
Rudj Ginanneschi – chitarra
John Crystal – basso
Gabriele Caselli – tastiere
Raffahell Dridge – batteria

Articoli Correlati

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*