Eldritch – Underlying Issues

 

 

 

Scarlet Records- Novembre 2015

Sempre ad altissimi livelli gli ELDRITCH, creazione di Terence Holler, che con il decimo lavoro della carriera si confermano tra le band power in ambito italiano ma anche estero. Con Eugene Simone etc. alla chitarra che si conferma membro portante del gruppo anche in fase compositiva e di produzione, Rudj Ginanneschi alla chitarra (già In Memory) , Alessio Consani al basso, Raffahell Dridge alla batteria.

Dopo il capitolo “Tasting the tears”, forse maggiormente melodico ed introspettivo, gli Eldritch tornano con un groove vigoroso e tiratissimo nel quale emergono echi thrash mescolati sapientemente con quelli sinfonici. Relegare infatti la band ad un genere musicale, heavy prog o metal prog i termini più usati, risulta quantomai riduttivo valutando il complesso di sonorità proposte, che nel loro innegabile tecnicismo, portato ad un livello molto alto di ricerca ed esecuzione, non risultano mai manieristiche e pedanti, ma armoniche nell’integrazione di cori melodici in refrain orecchiabili, leitmotiv alternati ad assoli di chitarra e batteria, preziosità di effetti sonori, tastiere e piano, sezione ritmica efficace, interpretazione sempre intensa ed efficace della voce solista.
È così che si sviluppa l’ascolto fin dall’ esordio con “Changing Blood”, “Danger Zone” e “Broken”, a cui si affidano velocità e potenza, per passare a ‘The Face I Wear’ , in cui cadenzata melodicità si alterna ai riff di chitarra e ‘To The Moon And Back” , il pezzo più melodico dell’album con uno splendido assolo finale. Ancora ‘Bringers Of Hate’ rivela echi epici ed heavy in cavalcate ritmiche rielaborate in sonorità ultramoderne, quanto in ‘The Light’ gli echi sembrano appartenere alla migliore tradizione thrash nell’ uso sapiente della batteria. Sul finale “Piece of clarity”, granitica nella sua aggressività in apertura attenuata dai melodici refrain, e “Before I Die” con un bellissimo intro di chitarra attorno alla quale si sviluppano le parti degli altri strumenti. In chiusura “Slowmotion K Us”, rielaborazione di un brano già inserito in “Portrait Of The Abyss Within” del 2004.

Musica in puro stile Eldritch che rendono l’album scorrevole e gradevole all’ ascoltatore nella successione di brani. Un’ultima grande conferma per una grande band.

www.eldritchweb.com

Track list:
1. Changing Blood
2. Danger Zone
3. Broken
4. All And More
5. The Face I Wear
6. To The Moon And Back
7. Bringers Of Hate
8. The Light
9. Piece Of Clarity
10. Before I Die
11. 11.Slowmotion K Us

Line up:
Terence Holler – voce
Eugene Simone – chitarra
Rudj Ginanneschi – chitarra
Raffahell Dridge – batteria
Alessio Consani – basso

Articoli Correlati

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*