comunicato stampa

È disponibile da oggi per il pre-order “FAST ANIMALS AND SLOW KIDS – Dal vivo con orchestra” l’album live dei FAST ANIMALS AND SLOW KIDS che vede a fianco della band di Perugia per questa occasione speciale i trenta elementi dell’Orchestra Arcangelo Corelli diretta dal Maestro Carmelo Emanuele Patti.
“FAST ANIMALS AND SLOW KIDS – Dal vivo con orchestra” uscirà il 15 dicembre (pubblicato da Woodworm e distribuito da Virgin Music/Universal Music Italia) in tutti gli store digitali oltre che in formato CD e vinile preordinabili al seguente link https://wdwrm.lnk.to/faskdalvivo.

Questo album live è per i FAST ANIMALS AND SLOW KIDS il punto di arrivo dell’esplorazione di nuove sonorità orchestrali per i brani che hanno segnato i quindici anni di storia della band: dopo il successo del tour nei teatri della scorsa primavera, accompagnati da una piccola orchestra da camera di sei elementi, i FAST ANIMALS AND SLOW KIDS hanno voluto immergersi ancora di più nelle atmosfere uniche di un’orchestra con due concerti irripetibili nel mese di luglio accompagnati dall’Orchestra La Corelli diretta dal Maestro Carmelo Emanuele Patti che ha curato gli arrangiamenti.

Le suggestioni del concerto dello scorso 22 luglio al Ravenna Festival sono così per sempre impresse nell’album “FAST ANIMALS AND SLOW KIDS – Dal vivo con orchestra”.
“Suonare le canzoni che hanno segnato la nostra storia insieme ad un’orchestra di trenta elementi è stata una dell’esperienze più stimolanti ed appaganti della nostra carriera” dicono i FAST ANIMALS AND SLOW KIDS “L’idea che questa collisione tra due mondi possa per sempre vivere all’interno del nostro primo disco dal vivo ci fa provare quella stessa soddisfazione ed euforia che abbiamo provato scendendo dal palco, a concerto appena terminato”.

Dai primi passi nel 2008, passando dal primo vero album nel 2011 fino all’ultimo disco di inediti nel 2021, quello di “FAST ANIMALS AND SLOW KIDS – Dal vivo con orchestra” è un vero e proprio viaggio in musica lungo quindici anni.
Le canzoni diventano il pretesto per raccontare i temi portanti della vita e della carriera dei FAST ANIMALS AND SLOW KIDS, in un percorso di crescita in cui ognuno si può rispecchiare guidati dal sempre presente mantra “Siamo i Fast Animals and Slow Kids e veniamo da Perugia”.

Aimone Romizi (voce, chitarra, percussioni), Alessio Mingoli (batteria, seconda voce), Jacopo Gigliotti (basso) e Alessandro Guercini (Chitarre) iniziano a suonare insieme e a scrivere canzoni nel 2008, anno in cui muovono i primi passi nei locali della loro regione.
Grazie ai loro primi concerti, coinvolgenti ed energici, la band (che sceglie il nome FAST ANIMALS AND SLOW KIDS ispirandosi ad una gag de I GRIFFIN) viene ingaggiata come opening act di band nazionali e internazionali che in quegli anni si trovavano a passare dalla loro città, Perugia.
Ci vogliono due anni di attesa per vedere nascere nel 2010 il primo Ep “Questo è un cioccolatino (To Lose la Track)”, ben accolto dalle riviste musicali.
Complice la vittoria del concorso Italia Wave Love Sound ed i primi concerti fuori dai confini regionali, il loro nome inizia a girare nell’ambiente underground italiano e nel 2011 arriva il disco d’esordio “Cavalli” (Iceforeveryone), 11 canzoni post-punk caratterizzate da testi dissacranti e ritmiche percussive. L’album è la scusa per la band per intensificare la propria attività live, attività che continua a caratterizzare fortemente l’anima del gruppo.
A due anni dal primo album la band pubblica il secondo disco di studio “Hybris” (Woodworm, 2013), 12 pezzi che mostrano un gruppo fortemente maturato rispetto al lavoro precedente: il sound si fa più ricco grazie all’introduzione di fiati e violini e i testi toccano temi universali in maniera del tutto personale, rapportandoli all’esperienza stessa dell’essere parte di una band. Il primo singolo “A cosa ci serve” viene eletto canzone dell’anno per i lettori e per i redattori del sito Rockit e l’album è al numero uno anche nelle preferenze dei lettori di La Repubblica XL.
Durante il tour che segue la pubblicazione di “Hybris” i FASK compongono il terzo album “Alaska” (Woodworm, 2014) che va ad ampliare ed approfondire le intuizioni del precedente lavoro rendendo i loro testi esistenzialisti e il loro wall of sound chitarristico un marchio di fabbrica del tutto nuovo e personale nell’ambiente italiano.
L’ultima data del tour di “Alaska” registra un sold out di oltre tremila persone all’Alcatraz di Milano e rende di fatto i Fast Animals & Slow Kids una delle prime band indie italiane a registrare il tutto esaurito nel live club milanese.
Dopo essersi presa una breve pausa, la band compone il quarto album “Forse non è la felicità” (Woodworm) che vede la luce nel febbraio 2017. Musicalmente, la canzoni che compongono l’album sono ancora più destrutturate e libere nella forma, mentre la maggior parte dei testi è stata scritta da Aimone Romizi durante un viaggio in solitaria negli Stati Uniti. Accanto a brani che perpetuano il loro classico immaginario sonoro, iniziano a farsi preponderanti melodie più aperte e arrangiamenti più ricercati. L’album riceve ottime recensioni e consacra i FASK tra i nomi più importanti dell’underground rock italiano.
Il 2019 è l’anno della svolta sonora e del riconoscimento da parte del grande pubblico. I FASK si affidano al produttore Matteo Cantaluppi e registrano il loro quinto album, “Animali Notturni” che esce per Warner Music Italia.
Caratterizzato da una forte componente melodica e dai numerosi intrecci di chitarre arpeggiate, synth e elementi orchestrali, l’album esordisce al settimo posto della classifica Fimi dei dischi più venduti e al quarto in quella dei vinili.
Il tour che ne consegue, inaugurato da una performance al Primo Maggio di Roma, registra nel complessivo cinquantamila presenze e regala alla band una nuova ed inaspettata popolarità.
Nei piani dei FASK il 2020 sarebbe dovuto essere caratterizzato da una lunga serie di date nei più grandi live club italiani, tutte andate sold out in prevendita.
L’arrivo della pandemia ha obbligato Aimone Romizi, Alessio Mingoli, Jacopo Gigliotti e Alessandro Guercini a rivedere i piani impegnandosi come prima cosa a rimborsare tutti i biglietti venduti.
Dopo un primo momento di riorganizzazione i FASK pubblicano a maggio l’inedito “Come Conchiglie”, brano scritto e registrato in casa durante il primo lockdown. Ma non è tutto.
Il 2020 è stato l’anno in cui i FASK si sono messi alla prova anche in un altro campo pubblicando ad ottobre la graphic novel “Come reagire al presente” (Beccogiallo), progetto che si rivela un grande successo di pubblico e critica.
Il 2021 si apre con la pubblicazione del brano “Come un animale” (https://youtu.be/GEoZUNwiNZs) a cui segue ad aprile il successivo inedito “Cosa ci direbbe”, singolo che vede per la prima volta i FASK collaborare con un altro artista, l’amico e collega Willie Peyote e a giugno “SENZA DELUDERTI”, brano che accompagna la partenza del primo tour acustico della band, il DAMMI Più tempo – tour Tour Acustico che vedrà impegnati i FASK per tutta l’estate.
Le tracce faranno parte dell’album pubblicato a settembre 2021 “È GIÀ DOMANI”, disco che raccoglierà anche i successivi singoli “Stupida Canzone” (https://youtu.be/ZhwGJr9w60E) e “Lago ad alta quota”.
“È GIÀ DOMANI” (prodotto dai FASK e Matteo Cantaluppi) debutta alla posizione n. 5° della classifica ufficiale italiana e alla 2° posizione della classifica vinili, dimostrando come la band abbia fatto un ulteriore passo in avanti non solo nei testi ma anche nella scrittura dei brani e nella produzione.
“È GIÀ DOMANI” ha convinto non solo il pubblico (che li segue affezionato ed è cresciuto con loro in questi 10 anni) ma anche la critica, come testimoniano le recensioni entusiastiche che hanno accompagnato la pubblicazione.
Il 2022 è l’anno del vero e proprio ritorno sul palco, senza limitazioni legate al Covid e con il pubblico che può finalmente saltare e urlare sottopalco.
L’occasione è importante e va festeggiata con un nuovo brano inedito dal titolo “VITA SPERDUTA”, presentato live durante la tranche primaverile del “È GIÀ DOMANI TOUR” (concerti sold out in diverse città come Bologna, Padova, Firenze, Torino, Roma e Milano). L’estate è stata l’occasione per proseguire la conquista della penisola con “È GIÀ DOMANI ORA – TOUR” che si è concluso il 17 settembre riportando a casa, nella loro Perugia, Aimone, Alessandro, Alessio e Jacopo. Il giorno precedente i FASK hanno pubblicato il singolo “IL TEMPO È UNA BUGIA” con la partecipazione straordinaria di LUCIANO LIGABUE.
A marzo 2023 i FASK approdano per la prima volta nei più importanti teatri italiani con “Una notte con: FAST ANIMALS AND SLOW KIDS – Concerto in 4 atti per piccola orchestra da camera” un tour che vede al loro fianco una piccola orchestra da camera di sei elementi. Forti del successo di questa nuova esperienza nel mese di luglio i FASK su esibiscono al Ravenna Festival e al Mittelfest di Cividale del Friuli per due concerti unici accompagnati dai trenta elementi dell’Orchestra La Corelli diretta dal Maestro Carmelo Emanuele Patti.

Avatar
Author

Comments are closed.