Gli HIGH ON FIRE pubblicano il video di “Cometh The Storm”. La band sarà in Italia il 4 luglio 2024 allo Ziggyclub di Torino

Comunicato stampa:

L’iconica band rock statunitense HIGH ON FIRE pubblicherà il nuovo album “Cometh The Storm” il 19 aprile su MNRK Heavy. Il gruppo vincitore di un GRAMMY Award, che celebra il suo 25° anniversario, ha registrato le undici canzoni di “Cometh The Storm” al GodCity Studio di Salem, Massachusetts, con il produttore Kurt Ballou. Il nono album in studio della band segna la pubblicazione della prima nuova musica degli HIGH ON FIRE da “Electric Messiah” del 2018 vede il debutto su disco del nuovo batterista Coady Willis (Big Business, Murder City Devils), insieme al bassista Jeff Matz e al chitarrista/cantante Matt Pike. La copertina di ‘Cometh the Storm‘ è stata realizzata dal collaborator di lunga data Arik Moonhawk Roper.

Oggi gli HIGH ON FIRE hanno svelato il video della title track, diretto da Phil Mucci di Diabolik Films. 

 

“‘Cometh the Storm’ nasce da un riff che ho iniziato a suonare con il basso durante le prove“, spiega il bassista/chitarrista Jeff Matz. “Stavo giocherellando con questa malinconica parte, quando Matt mi ha urlato: ‘Lo registriamo!?’. Il riff del ritornello è stato ideato da me e Coady durante una jam session a Los Angeles. Poi è arrivato Matt, che ha elaborato un testo approssimativo e ha proposto la linea vocale. Per il ritornello ho usato un basso fretless che avevo appena acquistato. Il peso delle basse frequenze che produceva era pazzesco: si fondeva con le chitarre e la batteria, era come essere colpiti da una mazza. Abbiamo capito subito che sarebbe stato un brano epicamente pesante“.

“È stata la prima volta che ho lavorato con i ragazzi sul set e ci siamo divertiti un mondo“, racconta Mucci. “I testi degli High On Fire possono sempre essere interpretati in molti modi, quindi ho iniziato cercando di definire “The Storm”. Un’enorme lista di idee visive si è ridotta ai due personaggi essenziali al lavoro, The Man e Gaia, che rappresentano due estremità dello spettro, con un incrocio molto distruttivo. Cerco sempre di mantenere le cose leggere e di incoraggiare tutti a proporre idee, come quella di Coady di bruciare un piatto! Non c’è modo migliore di concludere le riprese di High on Fire che con dei piatti che esplodono!“.

 

Guardalo qui:

“Credo che questa band abbia sempre avuto un ottimo tiro“, afferma Matt Pike. “È un’entità diversa. È una cosa a sé stante, il che, credo, rende tutti noi molto orgogliosi di farne parte. Non è una band come le altre“.
“Essendo fan delle rispettive band da molto tempo, ci sentiamo come se tutte le scommesse fossero aperte e tutto fosse possibile, il che è una sensazione liberatoria“, condivide Willis. “Quella sensazione di creare qualcosa dall’imperfezione che diventa una magica, strana, nuova idea che nessuno di noi ha mai previsto. È contro ogni aspettativa. È questa la gioia“.
“È interessante, ogni volta che c’è un cambio di formazione in una band“, offre il produttore Kurt Ballou. “Ci può volere un po’ di tempo per ricostruire, ma è anche un’opportunità per rinvigorire il gruppo e credo che sia quello che è successo qui“.

Tracklist:

1.) Lambsbread
2.) Burning Down (VIDEO)
3.) Trismegistus
4.) Cometh The Storm
5.) Karanl?k Yol
6.) Sol’s Golden Curse
7.) The Beating
8.) Tough Guy
9.) Lightning Beard
10.) Hunting Shadows
11.) Darker Fleece

Universalmente riconosciuti come uno dei gruppi più potenti della musica odierna, gli HIGH ON FIRE creano un metal dinamico che fonde furia e aggressività primordiale, bombardamento esoterico e pesantezza da hall of fame. Descritti come “un esercizio supersonico della conquista del volume”, gli HIGH ON FIRE hanno riscritto il libro delle regole dell’hard rock dal 1998, anno della loro formazione, forgiando uno stile e un suono che è allo stesso tempo celebrato dalla critica, estremamente influente e assolutamente unico. Il gruppo è composto dal cantante e chitarrista di culto Matt Pike (membro fondatore della famosa band underground SLEEP), dal bassista Jeff Matz e dal potente batterista Coady Willis. L’ultimo album in studio degli HIGH ON FIRE, “Electric Messiah”, è stato pubblicato il 9 ottobre 2018 e ha vinto un GRAMMY per la migliore performance metal, collocando gli HIGH ON FIRE tra le fila di gruppi come Black Sabbath, Motörhead e Metallica come vincitori del prestigioso premio, presentato dalla Recording Academy per riconoscere i risultati ottenuti nell’industria musicale.

Avatar
Author

Comments are closed.