L’edizione tascabile dell’autobiografia dell’ex chitarrista dei JUDAS PRIEST K.K. Downing, “Heavy Duty: Days And Nights In Judas Priest”, sarà resa disponibile il 1° settembre tramite Hachette Books. Ora è possibile preordinarne una copia su Amazon.

“Heavy Duty: Days And Nights In Judas Priest” è stato pubblicato nel settembre 2018 via Hachette Audio come download digitale, e in stampa e in ebook da Da Capo Press. Il libro è stato scritto in collaborazione con l’autore e giornalista scozzese Mark Eglinton, le cui precedenti collaborazioni includono “Official Truth, 101 Proof” con Rex Brown di PANTERA e “Confessions Of A Heretic” con Adam “Nergal” Darski di BEHEMOTH.

Alla domanda di VintageRock.com se scrivere la sua autobiografia gli ha dato un senso di chiusura riguardo al suo periodo in JUDAS PRIEST, Downing ha risposto:

Sì, credo di sì. Credo che sia lo stesso per qualsiasi relazione a lungo termine – che si tratti di un marito o di una moglie, o di un padre o di un figlio o di qualsiasi altra cosa – si passa abbastanza tempo insieme, e le idiosincrasie si manifestano. Immagino che non ci sia stato un particolare giusto o sbagliato – alcune persone hanno più tolleranza di altre, e ci vuole un dannato miracolo per stare davvero insieme per 40 anni. Qualcuno deve dare. E deve essere un dare e prendere. Ma inevitabilmente, diventa un po’ uno squilibrio, e mi piace pensare che la democrazia sia sempre la politica migliore. E non ce n’era abbastanza, non credo.

Ma in un certo senso è successo – Rob [Halford, voce] e Glenn [Tipton, chitarra] sono partiti e hanno fatto la loro lunga carriera da solisti, e questo è diventato un po’ dirompente. Non l’ho nemmeno menzionato nel libro.

Ma Rob ha pubblicato due album e ha fatto il suo tour proprio nell’anno esatto prima che io andassi via. E poi quando mi hanno detto:

K.K., vogliamo che tu inizi a scrivere per un EP a cinque tracce!!

ho risposto:

Non esiste proprio, cazzo! Rob ha appena pubblicato due album nell’ultimo anno, e noi stiamo pubblicando solo un EP? C’è qualcosa che non va.

Era abbastanza, davvero, e mi sono tirato indietro. E, come ho detto nel libro, ho cercato di dirlo nel modo più diplomatico possibile. Ma, in poche parole, quando è stato abbastanza è stato abbastanza, davvero. E questo è tutto.

Redazione
Author

Write A Comment

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi