Ozzy Osbourne, i dubbi sul possibile ritorno sul palco: ” I dottori dicono che ci vorrà un anno per tornare in forze”

Dopo l'intervento chirurgico alla colonna vertebrale e al collo

Ozzy Osbourne aveva rinviato tutte le sue date del tour americano a causa di un incidente domestico avvenuto durante la sua convalescenza a seguito della polmonite, per la quale aveva a sua volta cancellato e riprogrammato per il 2020 le date europee, tra cui quella di Bologna.

Il principe delle Tenebre era caduto nella sua villa di Los Angeles peggiorando alcuni traumi di alcuni anni fa (dal suo incidente del 2003), richiedendo la necessità di un intervento chirurgico.

Leggi anche perché Ozzy è sopravvissuto ad anni di droghe.

Durante una recente intervista a Rolling Stone ha detto sulla sua situazione fisica e sul recupero:

“I primi quattro mesi sono stati un’agonia, al di là di qualsiasi cosa avessi mai provato in vita mia. È stato terribile. Ora sto eseguendo delle sedute di terapia, ma i progressi sono molto lenti. Dicono che ci vorrà almeno un anno. Quindi, sperando che vada tutto bene, potrò partire in tour a gennaio del prossimo anno.”

Il Madman ha poi continuato:

“Sto davvero tenendo le dita incrociate. Non posso descriverti la sensazione di impotenza che ho avuto durante la degenza in ospedale. Ho dovuto usare un deambulatore per fare pipì, con un infermiere che mi ha assistito giorno e notte. Solo lo stare in ospedale è abbastanza per farti impazzire. Non posso descriverti la sensazione di impotenza che ho avuto. Ringrazio Dio di non essere rimasto paralizzato. Non sarei qui adesso. Sarei saltato giù da un fottuto tetto o qualcosa del genere.”

“Le infermiere mi hanno detto di stare molto attento agli sforzi date le mie condizioni, e questo mi spaventa. Dai 40 ai 70 mi è andato tutto bene, e ora, improvvisamente, tutto cambia. Ma spero davvero di essere in forma per gennaio perché sto impazzendo.”

Sui danni fisici riportati, in particolare sul braccio:

“Quando eseguono un intervento chirurgico al collo, tagliano tutti i nervi e questo ha rovinato tutto”, dice. “Quindi sto barcollando… E dato che hanno tagliato i nervi, il mio braccio destro è permanentemente addormentato.”

 

Ozzy Osbourne, il Principe delle Tenebre inserito nella Rock And Roll Hall of Fame e vincitore del Grammy Awardaveva annunciato la riprogrammazione delle date del suo “NO MORE TOURS 2” in Europa.
 
In Italia il concerto precedentemente annullato del 1 marzo 2019 sarà riprogrammato il 10 marzo 2020 all’Unipol Arena di Bologna. Ad aprire lo show ci saranno i JUDAS PRIEST.
 
I biglietti precedentemente acquistati rimarranno validi per la nuova data. Eventuali richieste di rimborso dovranno pervenire entro e non oltre il 10 maggio 2019.
Per rimborsi on-line contattare il servizio clienti http://www.ticketone.it/help se si è effettuato l’acquisto su Ticketone oppure https://help.ticketmaster.it/hc/it/requests/new se si è effettuato l’acquisto su Ticketmaster.

La nuova tournée che lo vedrà impegnato per 6 settimane inizierà dalla Gran Bretagna il prossimo 31 gennaio per poi concludersi il 16 marzo a Zurigo (Svizzera). Il tour include concerti a Nottingham, Dublino, Manchester, Newcastle, Londra (all’O2 Arena), Glasgow e Birmingham (città natale dell’artista). In Europa farà tappa, ancora, in Germania, Finlandia, Svezia, Austria Repubblica Ceca, Italia e Svizzera. Le date in Nord America inizieranno invece a febbraio 2020. Scopri il calendario completo qui
 
Ozzy Osbourne ha dichiarato: “Sono veramente contento di poter tornare in Europa per questi concerti. Grazie a tutti i miei fan che da sempre mi supportano e che hanno tanto atteso quest’annuncio. Non vedo l’ora di vedervi tutti l’anno prossimo”.

 

Articoli Correlati

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*