La formazione attuale dei Pantera, composta da Phil Anselmo, Rex Brown, Zakk Wylde e Charlie Benante, ha recentemente manifestato un forte interesse nel comporre nuova musica. Tuttavia, il bassista Rex Brown ha voluto chiarire che non sono semplicemente una band tributo, ribadendo la volontà del gruppo di espandere il proprio repertorio storico.

In un’intervista per Rolling Stone Australia, Brown ha affrontato le perplessità che potrebbero sorgere riguardo al gruppo, specialmente considerando il sostegno degli eredi dei fondatori, il batterista Vincent “Vinnie Paul” Abbott e il chitarrista “Dimebag” Darrell Abbott.

“Due nostri cari fratelli che non ci sono più, questa è la vita, sai? Semplicemente non sono con noi, amico. Questo è il destino, è così che va, amico,”

ha dichiarato Brown.

Tuttavia, Brown ha sottolineato le vere intenzioni del gruppo:

“questa non è una tribute band. Philip ed io possiamo suonare le nostre canzoni che non abbiamo suonato da 23 anni. E poterlo fare e connettersi con l’enormità di quello che è successo è dannatamente straordinario, sai?”.

Parlando dei membri attuali, Brown ha aggiunto:

“Sapevamo chi si sarebbe adattato e chi no. Sapevamo quali erano gli ostacoli davanti a noi, e sapevamo che dopo… mettiamola così, Charlie e io ci siamo riuniti nel settembre del 2022 prima di suonare quel primo spettacolo a dicembre, e probabilmente abbiamo registrato un centinaio di ore in cui suonavamo ogni singola canzone dei Pantera che riuscivo a ricordare. E quindi, sai, Charlie e io andiamo d’accordo così… il batterista e il bassista, questa è la base. Quindi, quando Zakk è arrivato, c’erano alcune cose che dovevamo ripetere più e più volte per stare insieme. E oggi questa band è forte e fantastica come vorrei. Sai cosa intendo e questo è tutto ciò che dirò a riguardo.”

Concludendo, Brown ha espresso la sua piena fiducia nell’attuale incarnazione dei Pantera:

“Ma amico, questa band è in fiamme e non potrei essere più felice, amico. Non riesco proprio a spiegarlo quanto dovrei, non potrei essere più felice”.

Voce contraria alla reunion invece il cantante dei Mudvayne Chad Gray, durante un’apparizione al The Jesea Lee Show.

Il cantante ha condiviso le sue esperienze negli Hellyeah insieme al batterista Vinnie Paul, che gli aveva detto che non c’erano possibilità di una reunion dei Pantera:

“So di cosa si tratta, e so che alcuni livelli dell’intenzione sono veri e puri, ma so anche che dopo aver assistito a un milione di interviste con Vinnie Paul e aver intervistato me e lui insieme e tutto il resto, e tutto il tempo, in realtà, la reunion non è avvenuta… Vinnie diceva letteralmente: “Mio fratello è morto.”

 … E non avrebbero detto un’altra parola…. pensava che i Pantera fossero finiti perché suo fratello era morto. “Quindi quando lo sento e sento con quanta passione lo ha detto, e so quanto lo intendesse sul serio… non gli importava. Vinnie non aveva bisogno di quei dannati soldi.

Tutto il cuore di Vinnie era negli Hellyeah. Amava così tanto Hellyeah. È stato un onore suonare con lui in quella band e farlo letteralmente sanguinare per quella band. Era tutto per lui e non gli importava più dei Pantera.” 

 

Avatar
Author

Comments are closed.