Frankie Banali “non è sul letto di morte” e “tornerà a casa” subito dopo essere stato ricoverato per un’infezione, dice la moglie.

Lunedì (15 giugno), Frankie Banali, batterista dei Quiet Riot, è stato ricoverato al pronto soccorso del Kaiser Permanente Woodland Hills Medical Center di Woodland Hills, California. Il batterista, che negli ultimi 14 mesi sta combattendo contro il cancro al pancreas al quarto stadio, è andato sulla sua pagina personale di Facebook per condividere una sua foto su un letto d’ospedale, e ha intitolato la foto:

Appena ricoverato al Pronto Soccorso di Kaiser… Mi è venuto in mente che è proprio come a Disneyland, solo che le linee sono più corte e le corse sono dolorosamente lente… e il prezzo d’ingresso… OMG!

Ieri (martedì 16 giugno), la moglie di Frankie, Regina Banali, si è recata sulla sua pagina personale per offrire un aggiornamento sulle condizioni del rocker, scrivendo:

Frankie non è sul letto di morte. Durante questo viaggio è stato più volte al pronto soccorso. Al momento ha di nuovo un’infezione. Questo verrà chiarito e lui tornerà a casa. Grazie a tutti. Potete continuare le preghiere e i buoni pensieri per lui mentre sta combattendo una dura battaglia.

Frankie ha poi condiviso il post di Regina sulla sua pagina e ha aggiunto il seguente commento:

Ho un’infezione che deve essere trattata insieme a diverse procedure che devono essere affrontate. Speriamo che questa visita a ‘Disneyland’ non sia troppo lunga e che io possa tornare a casa per fare il mio tè verde… fare le mie composizioni floreali, lavorare sulla mia arte e mettermi nei miei soliti problemi di quarantena…. I miei sinceri ringraziamenti a tutti per il loro amore, i loro auguri, le loro preghiere e la loro preoccupazione! Lo so che siete tutti fortissimi… ma questo lo sapevate già!

Redazione
Author

Write A Comment

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi