Silver Lining Music – 2022

Ennessima grande prova dei leoni inglesi, Carpe Diem si dimostra un concentrato di potenza e melodia il tutto condito con la splendida voce del grande capitano Biff Byford, un giovincello classe 1951, che ancora possiede il ruggito di un leone. Il disco parte subito in quarta con la title track, un concentrato di potenza, con il ritornello che si stampa subito nella mente, di sicuro diventera’ un classico nel prossimo tour della band, a seguire la rocciosa Age Of Steam che mantiene inalterata la potenza del brano precedente. Grandissimo brano The Pilgrimage, epico, potente, ci riporta in mente la leggendaria Crusader. L’acceleratore viene spinto al massimo nella tuonante Dumbusters, con un grande lavoro da parte delle due chitarre capiatanate dal vecchio Paul Quinn, davvero coinvolgente la seguente Remember the Fallen, brano che ci riporta indietro nel periodo dorato degli anni 80.

Arrivati quasi alla meta’ del disco ci imbattiamo nella orecchiabile Super Nova, la quale mescola momenti veramenti aggressivi con altri piu’ tranquilli, si prosegue con Lady In Grey forse l’unico pezzo che perde un po’ di mordente a confronto con gli altri, ma pur sempre gradevole nell’ascolto. L’asticella si rialza nuovamente con  All For One brano che dal vivo scatenera’ sicuramente un headbanging tra le prime file. Il disco si chiude con Black is the Night brano cadenzato ma di grande impatto e Living On The Limit, una scheggia impazzita che chiude degnamente un grandissimo disco suonato in maniera eccelsa e prodotto ottimamente dall’ormai onnipresente Andy Sneap. Che dire i Saxon sono una garanzia percio’ se amata il vero metallo  senza compromessi che vi faccia sobbalzare dalla poltrona correte a prenderne una copia immediatamente.

 

Tracklist:

1. Carpe Diem (Seize the Day)
2. Age of Steam
3. The Pilgrimage
4. Dambusters
5. Remember the Fallen
6. Super Nova
7. Lady In Gray
8. All for One
9. Black is the Night
10. Living On the Limit

Band:

Biff Byford – voce

Paul Quinn – chitarra

Nigel Glocker – batteria

Doug Scarratt – chitarra

Nibbs Carter – basso

Write A Comment