Tag

Krokus

Browsing

Arista Records – Novembre 1983 Il grande rock non arriva solo dagli Stati Uniti o dall’Inghilterra. Ci sono realtà più piccole dalle quali sono uscite ottime band, magari non seminali, ma di assoluto valore. La piccola, solitaria e pacifista Svizzera, ha partorito nel corso degli anni una serie di gruppi che ancora oggi sono sulle scene e che hanno…

I Krokus, pubblicheranno il 27 gennaio ‘Big Rocks’ album di cover (My Generation, Tie Your Mother Down, Born To Be Wild, Whole Lotta Love solo per citarne alcune) più una nuova versione di ‘Backseat Rock N’Roll, presente nell’album ‘Metal Rendez-Vous’ del 1980.’Big Rocks’ sarà prodotto dal bassista Chris Von Rohr. Di seguito la copertina dell’album:

Etichetta: Sony Music Entertainment
Febbraio 2013

Fare una recensione di un album dei Krokus, è più complicato di quello che può sembrare, dato che alla fine il tutto potrebbe riassumersi in due semplici righe senza possibilità di smentita. Puro Party Rock,  100% AC/DC Sound. Altro? Beh, in realtà no.

Ma, notizia del giorno, è che in un panorama Party Rock ultra inflazionato questa datata  band Svizzera  (parliamo di gente che è su piazza dal 1974!!) è ancora in grado di creare un prodotto, usando un termine enologico in “purezza” , credibile,  diretto, divertente e davvero piacevole.

In occasione del tour europeo degli Hammerfall, ho l’immenso piacere di incontrare personalmente i Krokus nella persona di Marc Storace e Paul Castell, rispettivamente mitico singer e bassista della band svizzera. Con loro parliamo dell’album “Hellraiser” uscito lo scorso autunno, poi la chiacchierata va avanti perdendo completamente di vista le domande che avevo preparato…

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi