L’ex chitarrista dei VENOM e attuale chitarrista dei VENOM INC Jeff “Mantas” Dunn dice che gli piacerebbe riunire la classica formazione dei VENOM per celebrare il 40° anniversario dell’album “Black Metal” della band.

Pubblicato nel 1982, “Black Metal” è considerato come album di grande influenza sul thrash metal e sul metal estremo in generale. Il secondo lavoro dei VENOM si dimostrò molto influente anche per il suo titolo che fu usato come nome del sottogenere del black metal estremo. Il trio della formazione classica della band, composto da Dunn, il cantante/bassista Conrad “Cronos” Lant e il batterista Anthony “Abaddon” Bray, registrò altri due LP in studio, “At War With Satan” (1984) e “Possessed” (1985), e un album live, “Eine Kleine Nachtmusik” (1986). Spesso citati da band come METALLICA, BEHEMOTH, CELTIC FROST e MAYHEM come maggiori influenze, sono una delle band piùriverite della loro generazione. I VENOM sono ancora guidati da Cronos, sono presenti nei festival di tutto il mondo e continuano a pubblicare nuova musica, mentre Dunn e l’ex bassista/voce dei VENOM, Tony “Demolition Man” Dolan, hanno unito le loro forze nella VENOM INC, dal nome simile.

Dunn ha accennato alla possibilità  di una classica reunion dei VENOM durante una chat su Facebook Live lunedì (28 febbraio). Ha detto: “Non ritratterò mai nulla di quello che ho detto, perché mi dispiace ma è vero. Indipendentemente da ciò che lui pensa, è vero; è così semplice. Non andrò là  fuori a dire palesemente un sacco di stronzate come ha fatto uno di noi. Quello che ho detto è assolutamente vero, e l’ho messo in stampa – anche nel libro. È lì. È assolutamente vero. Ma siamo a quell’età  ora – io ho 60 anni; Bray ne ha 61; Conrad quanti anni ha, 58, 59? Abbiamo appena attraversato un’enorme pandemia del cazzo in cui nessuno ha fatto niente. Abbiamo una fottuta guerra in Europa in questo momento. Tutti i problemi che abbiamo avuto l’uno con l’altro, impallidiscono in modo fottutamente insignificante; sono fottute stronzate.

“Come ho detto, non dirò mai ‘scusa’, cazzo; non mi volterò mai indietro e dirò: ‘Sì, beh, non intendevo questo, cazzo'”, ha continuato. “Quello che ho detto è fottutamente vero. Ma ci siamo persi il 25° anniversario. Non abbiamo celebrato il 30° anniversario. Ed è, come, per una band che ha avuto un tale impatto del cazzo… E, di nuovo, amici miei, trovo ancora difficile da accettare, la gente che dice…

“Quando ho fatto le interviste per il 40° anniversario di ‘Welcome To Hell’ – c’è un altro anniversario che ci siamo persi, cazzo; non è stato fatto nulla, è passato e basta, ha aggiunto Dunn. “Ma il fatto è che ho fatto queste interviste, e la gente mi diceva: ‘Non ti rendi conto dell’importanza di quello che hai fatto’. Non lo faccio, perché suppongo che ci siamo stati così vicini. L’ho detto un milione di volte – ero solo un fottuto ragazzino che scriveva canzoni nella mia fottuta camera da letto vivendo con mia madre, e sono stato fortunato; la gente le ha capite, cazzo.

“Ma è, come, non potremmo semplicemente celebrare questo per una volta, cazzo? Voglio dire, cazzo – sono già  morto una volta. E voi, cazzo, non avete molto tempo, e non avete molto tempo, perché so cosa vi siete fatti, cazzo”.

Author

Write A Comment

X