Dino Jelusic degli Animal Drive: ‘…siamo solo all’inizio!’

 

Qualche giorno fa è uscito il debut album di Animal Drive, dal titolo ‘Bite!‘ del compositore e cantante della Trans Siberian Orchestra, Dino Jelusic. Impossibile perdere l’occasione di fare una chiacchierata anche con lui…

 

Ovviamente congratulazioni per questo album, grande debut album. ‘Bite’! un morso affamato o arrabbiato nel mondo del rock’n’roll?

Grazie… Direi tutti e due. Affamati di andare in tour e scrivere nuovi brani e suonare e poi qualsiasi altro. Arrabbiati per la situazione musicale nella nostra terra (Croazia, ndr), nei confronti della persone che si dimostrano gelose per quello che fai, contro i bugiardi, per questo l’album inizia e finisce in modo così aggressivo, ma come hai visto con qualche ballad e anche delle parti più soft… siamo fatti di carne e sangue.

Qual è il tuo grado di soddisfazione pensando a questo album e ovviamente perché…

Non riesco ad ascoltarlo al momento, mi sento male… L’ho sentito una volta quando mi trovavo a Los Angeles agli inizi di gennaio. Molti dei brani mi sembrano fantastici anche se come sempre vorrei cambiare qualcosa. L’ultima settimana di missaggio abbiamo apportato molte modifiche. Spesso durante l’ultimo momento del missaggio si manda tutto a rotoli… hahaha

Anche se mi hai già risposto, ma cosa si prova a sentire un lavoro come il tuo?

Sai ho creato molte cose in passato e alcune canzoni non mi piacevano e non avevano le giuste sonorità per quel periodo, ma ascoltandole ora penso che fossero davvero della gran belle canzoni, ma anche penso che altre fossero troppo esagerate. Ci sono un paio di brano che non abbiamo inserito in questo album e sicuramente andranno nel secondo  o nel terzo.

Potenza, energia, hard rock, riff duri e ritmi selvaggi, melodie accattivanti ecc… niente male davvero. Si nota un notevole sforzo compositivo e nella registrazione. Ci parleresti su come è nato l’album il processo di stesura e realizzazione dei brani?

Ho scritto moltissimi brani, e non sapevo quali poter inserire nell’album. Mi piacciono gli album versatili. Questo dovrebbe essere il mio primo lavoro in cui tutto e più o meno dello stesso genere. E pensa che mi viene detto che l’album è versatile. Di solito preparo i demo per ogni brano, Keller (Ivan Keller, chitarrista, ndr) viene da me per sviluppare le idee. Poi vado a trovare Adrian (Adrian Boric, batterista, ndr) per cercare di capire che tipo di groove calza per ogni brano. Poi una volta sistemate le varie parti io inserisco le parti di tastiera e poi la voce. In fine dopo si sistema tutto… fine.

Quali sono le aspettative per questo album?

Non ho aspettative. Spero che possa piacere alle persone e che le persone possano sentire quello che abbiamo sentito noi la prima volta che abbiamo ascoltato l’album. Spero di riuscire a fare molti live show e spaccare davvero.

Ma dimmi. E’ vero che è stato Jeff Scott Soto a presentarti ai manager della Frontiers Music… wow… ci dici com’è andata?

E’ vero. E’ stato proprio lui. Noi siamo nella stessa band, Trans-Siberian Orchestra. Grande amico, grande cantante e grande frontman. Un giorno mi ha chiesto se avessi dei brano nuovi da fargli ascoltare e quando ha sentito ’Father’ and ‘Bad To The Bone’ ha inviato una mail alla Frontiers. E a loro sono piaciuti. Qualche mese dopo avevamo fissato tutto con la scadenza per la pubblicazione dell’album, hahahah

Carina la copertina. Riesco a vedere Quattro persone, (siete voi?) pronti per essere divorati…

Sì… Onestamente non sono un fan delle copertine con i mostri, mi piacciono quelle semplici, ma più la guardo più mi piace. Stan W Decker ha fatto un lavoro fantastico.

Ci sono un paio di brani davvero interessanti. I miei preferiti sono: ‘Tower of Lies’ e ‘Devil took my beer again‘, potenti, accattivanti e davvero duri. Quali sono i tuoi e perché’?

Mi piace ’Goddamn Marathon’. E’ la storia della mia vita. Ho sempre corso da solo e poi condiviso i miei traguardi con altri. Inizia con il mio solo di Hammond, poi un riff alla Gojira e poi un coro melodic… progressive nel secondo verso. Quasi tutto ciò che adoro della musica è in questo brano. ‘Deliver Me’ ha anche un momento epico e la parte centrale è molto melodica. ’Hands of time’ è molto personale così come ’Father’. ’Tower of lies’ è un brano potente che si riferisce alla situazione musicale in Croazia. Ogni brano in quest’album ha in significato profondo. Mi piacciono tutte le canzoni, è ovvio…

Vorrei dirti la mia opinion sul tuo album. Credo che sia fresco e maturo allo stesso tempo, una grande combinazione tra hard rock vecchio stile e una concezione più moderna di hard rock. Che ne pensi?

 Ti ringrazio.  Non sono stato mai un fan dei testi ’sex, party, booze’. La musica è cosa seria. Noi abbiamo tante influenza da tanti generi, dal pop, dal death metal ed è tutto all’interno dei brani.

Ma adesso ti chiedo di parlarci di Animal Drive. E’ giusto dire qualcosa sulla band, ho letto che vi siete formati nel 2012… e anche qualcosa sui musicisti.

Ok. Io e Keller siamo sempre stati nel gruppo mentre gli altri sono cambiati. Nel 2012 suonavamo un hard rock vecchia maniere, senza influenze metal. Ho cercato di inserire un po’ di prog, ma il resto della band non era d’accordo con questa scelta stilistica. Quando è arrivato Keller abbiamo trovato la giusta combinazione, la giusta alchimia. Le mie linee vocali e la produzione con il suo stile più heavy di suonare è stata la giusta combinazione

Dino quali sono le tue influenze musicali e la tua relazione con la Trans Siberian Orchestra.

 Mi piacciono tantissime cose che mi sarebbe piaciuto aver scritto. Iniziando dai Whitesnake, Toto, Pantera, Dream Theater, Eagles, Billy Joel, Eric Clapton, Mr.Big, Alice In Chains, Kings X….

La Trans Siberian Orchestra è fantastica. E’ una band straordinaria con persone stupende che sono diventate le mia famiglia in brevissimo tempo.

Prima accennavi alla tua terra, la Croazia. Qual è la situazione musicale in Croazia? Noi non conosciamo molto della musica che c’è lì da voi?

Pessima e sempre peggio. Nessuno conosce le band rock che suonano dal vivo, tutto ciò che trovi nei media riguarda scandali, il grande fratello, pornografia, politica e musica pessima… folk pop e musica davvero pessima…

Stai pianificando di promuovere l’album con una serie di concerti?

Sì, spero di fare molti concerti nel 2018. Abbiamo dei piani per la Germania, Regno Unito, Italia (il 29 aprile 2018 si esibiranno durante la seconda giornata del Frontiers Rock Fesival, ndr)…

Dino, grazie per il tempo che ci hai dedicato. Cosa vorresti dire a nostri lettori per chiudere questa intervista?

Se vi piace questo album state allerta. Avrete una chiara visione degli Animal Drive e del mio modo di scrivere forse fra cinque album… siamo solo all’inizio, ci sarà ancora molto altro ancora!

 

 

 

 

Articoli Correlati

About Francesco Amato 537 Articoli
Born to Lose, Live to Win | Rock'n'Roll is my life, so... long live rock'n'roll !!!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com