Skid Row – Johnny Solinger 2007 – Intervista


Il tour degli Skid Row è appena iniziato, e la band si appresta ad affrontare la data milanese. Ho la possibilità di incontrare il cantante della band, Johnny Solinger, nel pomeriggio prima del concerto. Johnny si rivela subito simpaticissimo, tanto che più che un’intervista sembra di fare due chiacchiere con un amico, davvero simpatico e disponibile….

Long Live Rock n Roll:
Prima di tutto grazie per la tua disponibilità e per il tempo che mi dedicherai… ho 32 anni e quindi potrai facilmente intuire cosa hanno rappresentato per me gli Skid Row…

Johnny Solinger:
(…sorride…) E? fantastico!

Long Live Rock n Roll:
Cominciamo: quali sensazioni nell’iniziare un nuovo tour?

Johnny Solinger:
Sono entusiasta… Sai, mi sono unito alla band nel 2000, quindi è la fine del mio ottavo anno negli Skid, e sono stato in tour tantissimo, ma è solo la seconda volta che vengo in Italia. E devo dire che le persone sono fantastiche, meravigliose. Non ero mai stato a Milano oltretutto, sono stato in un paio di città di cui non ricordo il nome perchè è troppo difficile da pronunciare…

Long Live Rock n Roll:
Ieri era la prima data in Italia, a Treviso, com’è andata?

Johnny Solinger:
Bèh, abbiamo fatto il tutto esaurito, la gente è fantastica, veramente accogliente, ed erano tutti eccitati perchè c’eravamo noi; questo mi rende entusiasta di essere qui! Sapevano addirittura chi ero io, e non erano scontenti quando sono salito sul palco! (…ride…) Tutti cantavano le canzoni e conoscevano il nuovo materiale, quello dei 2 album dove ci sono anche io, è sembrato tutto noto per loro!

Long Live Rock n Roll:
Mi viene da chiederti se ti sorprende che il pubblico conosca e apprezzi gli ultimi due album?

Johnny Solinger:
No, non mi sorprende, mi rende felice! Sai, nessuno ti impedisce di adagiarti sul tuo successo del passato, ma a me piace guardare sempre avanti e muovermi in quella direzione. Nessuno vuole rimanere sempre uguale, mi piace il cambiamento perchè se non cambi rimani sempre lo stesso!

Long Live Rock n Roll:
Anticipo allora una domanda che ti volevo fare dopo?

Johnny Solinger:
Nessun problema, questo è il tuo di show…

Long Live Rock n Roll:
Grazie! (ridiamo)… io cerco sempre di guardare l’artista e non il gossip o ad altri aspetti. Quello che mi chiedo è: non siete stanchi di dover rispondere a domande sul vostro cambiamento negli ultimi 20 anni? Sono passati 20 anni da Skid Row, ed in vent’anni chiunque cambia?

Johnny Solinger:
Intendi se sono stanco di parlare di questo argomento?

Long Live Rock n Roll::
Sì, mi chiedo se non siate stanchi di rispondere sempre alle solite domande sulla prima e sulla seconda parte della vostra carriera… non è noioso? Infondo voi dite (giustamente) di amare tutto il vostro repertorio?

Johnny Solinger:
(…se la ride di gusto…) Bèh, io sono arrivato nel 2000, e siamo andati in tour con i Kiss. Io conoscevo ed ho accettato il mio ruolo di dover rispondere alle stesse domande milioni di volte. Anche a distanza di anni, voglio dire sono passati 8 anni, rispondo ancora alle stesse domande. Ma non mi sento nè frustrato, nè stanco, nè annoiato. Mi piace il fatto che le persone non sappiano che la band si è sciolta, che è ritornata insieme dopo anni, e stiamo cercando di informare le persone che c’è una nuova formazione, che siamo cambiati, che abbiamo fatto altri 2 album, e si possono apprezzare tutti e due i periodi! Siamo ancora in tour, ci sono ancora Scotti Hill, Rachel Bolan, Snake Sabo. Infondo sono loro gli autori, sono loro che creano la musica… io mi diverto a cantare!

Long Live Rock n Roll:
Bene? ieri la prima data in Italia? cosa vedremo questa sera?

Johnny Solinger:
Vogliamo spaccare! Faremo pezzi da tutti gli album, passando per Skid Row, “Slave To The Grind” e anche l’album di cover “B’side Ourselves”, “Subhuman Race”, “Thinckskin” e “Revolution”… tutto!

Long Live Rock n Roll:
Dalle vostre interviste intuisco che voi amiate tutta la vostra discografia, tranne forse “Subhuman Race”, confermi?

Johnny Solinger:
Io adoro “Subhuman Race”, anche se non ero ancora della band. Il fatto è che forse quell’album è legato ad un periodo un po’ turbolento, non ne sono sicuro ma penso che infondo rappresenti una fotografia di quel particolare momento della vita dei componenti di allora, e forse in quel periodo non si sono divertiti moltissimo, può darsi che questo evochi in loro brutti ricordi. Oltretutto poco dopo l’uscita dell’album gli Skid si sono divisi, sai è come un matrimonio: quando stai per divorziare pensi che possa essere molto vicina la fine! Ma per esempio questo è un periodo in cui siamo felici, e a 8 anni dalla reunion siamo sempre in pista!

Long Live Rock n Roll:
E avete fatto altri due album, entrambi con pezzi di generi molto differenti… in che direzione stanno andando ora gli Skid Row?

Johnny Solinger:
Penso che il prossimo lavoro sarà come sempre lo specchio del momento che stiamo vivendo ora… non vogliamo che abbia un sound del 1989 o del 1992, e stiamo esplorando, provando nuove strade, nuovi suoni. Sarà qualcosa di nuovo insomma: ci sarà dell’hardcore pop,i nfluenze punk, influenze heavy… qualsiasi cosa ci piaccia in quel momento. Non pubblichiamo album per vedere se piacciano agli altri, non abbiamo un target di pubblico che vogliamo conquistare: facciamo quello che piace a noi e speriamo che questo arrivi alle persone, a volte succede a volte no!

Long Live Rock n Roll:
Volevo chiederti di due pezzi in particolare che mi hanno colpito moltissimo: il primo è “New Generation”, il cui suono ricorda molto Marilyn Manson, il secondo invece è “When God Can’t Wait”, che per me è stata veramente una sorpresa…

Johnny Solinger:
Per quanto riguarda “New Generation” non sei il primo a farmelo notare, ma la somiglianza nel sound non è certo voluta. Per quanto riguarda invece “When God Can’t Wait” devo dirti che era un nostro desiderio comporre ed avere in repertorio una canzone che richiamasse le sonorità americane più classiche e tradizionali… un pezzo per ballare sui tavoli nei club…

Long Live Rock n Roll:
“Revolutions Per Minute” sembra una versione un po’ più ammorbidita di “Thickskin”…

Johnny Solinger:
Come dicevo prima ognuno ha i suoi gusti,e forse hai ragione sul fatto che ci sia più power in “Thickskin”, ma anche “Revolutions” è un album molto tirato…

Long Live Rock n Roll:
Infatti ti volevo chiedere come mai nessuna ballad in tutto l’album?

Johnny Solinger:
Hai ragione, anche se ci sono pezzi di atmosfera, per esempio a me piace molto “Nothing”… comunque nel nuovo album ci saranno anche delle ballad?…

Long Live Rock n Roll:
Affrontiamo allora l’argomento del nuovo album: state scrivendo dunque?

Johnny Solinger:
Sì, stiamo scrivendo,e ti posso anche dire che abbiamo in progetto di uscire con più di un lavoro… probabilmente usciranno il cd, un live più avanti e infine stiamo lavorando ad un Dvd…

Long Live Rock n Roll:
Dvd live?

Johnny Solinger:
Vogliamo realizzare qualcosa che sia un misto tra immagini live e on the road… sai backstage, quello che accade in viaggio o in hotel… insomma che sia divertente!

Long Live Rock n Roll:
Qual è il processo compositivo degli Skid Row: musica e poi le parole o viceversa?

Johnny Solinger:
In realtà non abbiamo un modo unico di scrivere… a volte prima le parole, a volte prima la musica,a volte insieme quando ci divertiamo in studio!

Long Live Rock n Roll:
Riuscite a comporre anche quando siete in tour?

Johnny Solinger:
Devo dire che in questo momento sarebbe impossibile perchè abbiamo veramente tanti impegni e tutti ravvicinati… oltretutto con il tour appena cominciato!

Long Live Rock n Roll:
Che musica, e che gruppi, stai ascoltando ora?

Johnny Solinger:
Tra le band nuove mi piacciono molto i My Chemical Romance. Poi i Foo Fighters, che trovo divertentissimi ed ho amato fin dai primi singoli. Devo però ammettere che non sto ascoltando molta musica ‘nuova’ in questo periodo…

Long Live Rock n Roll:
E quali gruppi non ti piacciono?

Johnny Solinger:
Non posso dirtelo perchè poi potrei ritrovarmeli davanti un giorno o l’altro! (…ridiamo…)

Long Live Rock n Roll:
Ancora poche domande… Conosci qualche band italiana?

Johnny Solinger:
Sinceramente no, ma ti ripeto sto ascoltando poca musica in questo momento, e poi sai io vengo dal Texas, sono affezionato a cantanti come Johnny Cash e alla fine mi ritrovo ad ascoltare sempre la mia musica preferita… hai qualche band da suggerirmi?

Long Live Rock n Roll:
hem hem… non mi aspettavo questa domanda, era solo una mia curiosità… comunque se ti capita ascolta gli Extrema…

Johnny Solinger:
Me li segno va bene! Però conosco Pavarotti… pace all’anima sua…

Long Live Rock n Roll:
Infine vuoi lanciare un messaggio ai lettori di Long Live Rock’n’Roll.it?

Johnny Solinger:
Un affettuoso saluto, tenete sempre botta, e mi raccomando continuate a sostenere gli Skid Row, il vostro calore ha un effetto entusiasmante su di noi, grazie!

Sono io a ringraziare Johnny, simpaticissimo e paziente, e mi preparo ad assistere allo spettacolo di stasera portando con me molto più rispetto per questo ragazzo e per questa band veramente disponibile ed entusiasta!

 

 

 

Articoli Correlati

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com