L’avvocato Shawn Holley, che rappresenta Steven Tyler, degli Aerosmith, ha presentato una difesa in 24 punti negando le accuse di abuso sessuale su una minore, affermando che la relazione in questione, era consensuale.

Il frontman degli Aerosmith, Steven Tyler, era stato ufficialmente nominato imputato in una causa relativa alla presunta violenza sessuale ai danni di una minore.

Julia Misley, precedentemente nota come Julia Holcomb, una donna di 65 anni, aveva accusato un mese fa il cantante degli Aerosmith Steven Tyler di averla aggredita sessualmente negli anni ’70 mentre era ancora minorenne.

La causa era stata intentata ai sensi della legge della California che consente alle vittime adulte di denunciare le aggressioni sessuali subite mentre erano minorenni

Nella causa si legge che il cantante aveva convinto la madre di Holcomb a dargli la custodia di lei quando aveva 16 anni, permettendole di vivere con lui e fare sesso. Si dice che la relazione sia iniziata nel 1973 e sia durata circa tre anni.

Steven Tyler aveva narrato nella sua autobiografia l’episodio, dicendo di aver conosciuto la ragazza quando aveva 16 anni, “quasi costretta a fare la sposa bambina”. Ma il legale di Tyler afferma che agisse suo tutore legale quando si sono verificate gli episodi, dichiarando che i genitori avessero firmato un documento per la custodia, perché altrimenti sarebbe stato arrestato in tour.

L’accusa era arrivata quando il termine per la domanda era scaduto. La denuncia affermava che Tyler “ha usato il suo ruolo, status e potere di musicista popolare e rock star per avvicinare, adescare, manipolare, sfruttare e aggredire sessualmente” una adolescente per un periodo di tre anni. Diversi abusi hanno avuto luogo nella contea di Los Angeles e la donna ha subito gravi danni emotivi ed economici.

 

Avatar
Author

Comments are closed.