2023 – Frontiers Records

Mettete insieme tre assoluti fuoriclasse, (Todd Kerns, Stef Burns e Will Hunt) ed un’etichetta discografica che non ha bisogno di presentazioni (Frontiers Music) ed otterrete qualcosa di potente ed estremamente rock allo stesso tempo: gli Heroes and Monsters. Il curriculum dei tre affermati musicisti è davvero lungo e degno di nota. Todd Kerns (voce e basso) è lo storico bassista di Slash feat. Myles Kennedy & The Conspirators (oltre che dei Toque, Mindfield, Age of Electric e molti altri), Stef Burns è notissimo in Italia per essere il chitarrista di Vasco Rossi da moltissimi anni (oltre a collaborazioni con nomi storici quali Alice Cooper, Y & T, Huey Lewis and The News, Berlin etc…) e Will Hunt è il batterista degli Evanescence e notissimo in Italia, per essere stato pure lui batterista di Vasco Rossi.

Proprio in questi giorni, la band suonerà per la prima volta in Italia. Un tour composto da diverse date, che toccheranno davvero posti che molti artisti si dimenticano colpevolmente di toccare (soprattutto le agenzie nda), con prima data il 9 Febbraio a Castel di Sangro (AQ) al Teatro Italia e chiusura il 19 a Druento (To) alla Vertigo Rock Arena. (Qui tutte le date).

Dieci pezzi, che davvero mi hanno fatto sobbalzare dalla sedia, talmente sono belli. Quaranta minuti di pura libidine sonora e i nomi dei musicisti coinvolti, davvero si dimostrano all’altezza della fama e delle aspettative alte che ogni fan aveva verso loro.

Disco che si apre con “Locked and Loaded“, pezzo mid-tempo e che già era uscito come singolo, con chitarre di Stef Burns al fulmicotone, voce di Todd Kerns davvero grintosa e potente e drumming di Will Hunt, assolutamente martellante e coinvolgente. Qua e la’, qualche piccolo cambio di tempo, rendono questo pezzo un opener davvero stellare.

Lavoro che prosegue con un altro singolo (di cui circola il video da tempo), “Raw Power“, un pezzo che possiede la giusta “cazzimma”. Un pezzo di classic metal, con cori davvero strepitosi, riffs assassini e drumming martellante, che ti travolge come un treno in corsa. I primi due singoli di questo primo lavoro della band sono davvero una dichiarazione di intenti molto riuscita. La produzione è perfetta e senza sbavature. Sembra allo stesso tempo, pensata per un’ottimale resa live. Già in questi giorni, lo scopriremo.

Altro pezzo accompagnato da un bel video con la band che prova in un momento ed insieme è in giro in macchina è “Let’s Ride It“. Pezzo davvero catchy e con coretti a volte ruffianissimi, che ti si attacca addosso piacevolmente e ti fa canticchiare.

Dopo tre pezzi davvero selvaggi, c’è spazio anche per la power ballad “Angels Never Sleep“, pezzo molto d’atmosfera, che mi ha ricordato alla mente qualcosa dei vecchi Skid Row e perché no anche di Slash feat. Myles Kennedy and The Conspirators, con alcuni cambi di tempo, che la rendono davvero vincente.

L’adrenalina torna a salire con “I Knew You Were The Devil“, pezzo dalle chiare influenze “Black Label Society” (nda band in cui ha militato anche Will Hunt). E’ stato fatto un bel lavoro con questo pezzo, che ad un certo punto diventa molto d’atmosfera .

Break Me (I’m Yours)” è un pezzo molto alla Ac/Dc e Great White, suonato con maestria dal trio.
Un coro davvero da cantare a squarciagola , piede che batte a ritmo e momenti di assoluto godimento musicale.

Blame” è invece un mid-tempo che fa il suo sporco lavoro in quasi quattro minuti di durata e che introduce una piccola perla chiamata “Don’t Tell Me I’m Wrong“, ballad davvero emozionante , che mi ha riportato alla mente anche qualche ballatona dei Green Day in qualche frangente .

Un piccolo gioiello davvero, seguito poi dal classicone “Set Me Free” degli Sweet. Pezzo coverizzato da moltissimi (e subito mi viene in mente, Vince Neil) e che viene riproposto fedele all’originale, ossia stile Ferrari lanciato a tutta birra in autostrada.

Lavoro che si chiude con classe e con la ballad dal sapore Led Zeppelin, “And You’ll Remain“.

Se ve li perderete nelle varie date italiane, vi potreste davvero pentire. Disco che già si candida tra i più belli del 2023.

Mauro Brebbia.

Band:
Todd Kerns(voce /basso)
Stef Burns (chitarra)
Will Hunt( batteria).

Tracklist:
01. Locked And Loaded
02. Raw Power
03. Let’s Ride It
04. Angels Never Sleep
05. I Knew You Were The Devil
06. Break Me (I’m Yours)
07. Blame
08. Don’t Tell Me I’m Wrong
09. Set Me Free
10. And You’ll Remain

Avatar
Author

Write A Comment