Non correva buon sangue tra il cantante degli L.A. GUNS Phil Lewis, e l’ex batterista della band Steve Riley, scomparso martedì 24 ottobre all’età di 67 anni. La causa delle morte sono legate ad una grave polmonite che ha colpito il batterista alcune settimane fa.

Riley suonò nei W.A.S.P. negli album “The Last Command” del 1985 e “Inside The Electric Circus” del 1986, poi si unì agli L.A. GUNS. Nel 2016, non fu incluso nella reunion di Lewis e il chitarrista Tracii Guns, lanciando la sua versione della band con lo stesso nome. Nell’aprile 2021, è stato raggiunta un accordo extragiudiziale tra Riley, Guns e Lewis sui diritti del nome della band con Riley che lanciò i RILEY’S L.A. GUNS.

Phil Lewis ha rilasciato una dichiarazione sulla scomparsa dell’ex compagno, che ha destato non poche polemiche:

“Sono molto scosso nell’apprendere della scomparsa di Steve Riley oggi. Era un bravo ragazzo e un eccellente batterista. Abbiamo girato il mondo insieme molte volte e affrontato innumerevoli avventure sia buone che cattive.

Sfortunatamente non siamo mai stati veramente amici in 30 anni. Non ho mai visitato la sua casa e, a parte le cose della band, non siamo mai usciti o siamo andati a cena insieme. Penso che tenesse alla sua privacy e tenesse molto al lavoro e alla famiglia molto separati.

“Le mie condoglianze alla moglie da oltre 40 anni Mary Louise e al figlio Cole.

“Buon viaggio, amico.”

 

 

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da L.A. GUNS (@laguns)

Avatar
Author

Comments are closed.