Il frontman dei Metallica James Hetfield ė anche sui libri di biologia: una nuova specie di serpente velenoso ha infatti preso il suo nome.

L’Atheris hetfieldi è stato scoperto da un team di scienziati amanti del metal guidati dal dott. Luis Ceriaco.

La specie di African Bush Viper, che cresce fino a 52 cm di lunghezza, vive alla base di un vulcano sull’isola di Bioko nella Guinea Equatoriale ed è caratterizzata da “una testa di forma triangolare e squame fortemente carenate, che conferisce loro un aspetto simil drago, che certamente è in sintonia con l’immagine di un cantante di una band Heavy Metal“.

Atheris hetfieldi è solo l’ultima creatura ad aver preso il nome da una rock star. Un fossile di coccodrillo giurassico aveva preso il nome da Lemmy, un genere di microbi quello dei Rush, mentre una specie di vermi estinti era stata ribattezzata Websteroprion in onore del bassista dei Cannibal Corpse Alex Webster.

Intervistato dal magazine Louder Sound (qui le immagini) lo scopritore della nuova specie ha dichiarato:

“Sia io che Mariana Marques, la seconda autrice dell’articolo, siamo grandi fan dei Metallica e di James Hetfield sin dalla tenera età. Volevamo onorarlo, come ringraziamento per tutte le buone vibrazioni che la sua musica ci ha trasmesso durante tutte le nostre vite e carriere personali. Inoltre, pensiamo che un misterioso serpente velenoso e dall’aspetto gelido, che vive alla base di un vulcano sperduto nel mezzo della foresta tropicale, sia molto simile all’heavy metal!

D’altra parte, nominare una nuova specie come James porta maggiore attenzione agli studi sulla biodiversità e alle indagini sul campo tanto necessari. Siamo in corsa contro l’estinzione di gran parte della biodiversità del mondo e molte specie potrebbero estinguersi prima ancora di sapere che esistono!

Author

Write A Comment

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi