Sammy Hagar (Van Halen): il grunge mi infastidì… Era molto più divertente vestirsi da ragazze!

Non è un mistero che il grunge degli anni ’90 sia stato un fattore determinante per la scomparsa dell’hair metal anni ’80. Proprio mentre la meteora stava per colpire, Van Halen usò la fama in rapida crescita di Alice in Chains a loro vantaggio.

Sammy Hagar, ex cantante dei Van Halen e ora dei Chickenfoot, ha recentemente dichiarato a Jenny McCarthyin una nuova intervista al “The Jenny McCarthy Show” che gli Alice in Chains lo hanno reso così nervoso, che li ha invitati ad aprire per i Van Halen nel 1991 in modo che i fan pensassero ancora che fossero cool.

“Quando il grunge è arrivato è stato strano! Perché guardo questi ragazzi, mentre noi eravamo una sorta di glam rock, tutti vestiti come ragazze”, ride Hagar, citando anche band come Motley Crue e Poison. “Ma quando è arrivato il grunge… erano sporchi e funky, mi hanno fatto innervosire. Ho pensato, ‘Questi ragazzi ci mancheranno di rispetto.”

Hagar ricorda che quando i Van Halen si preparavano per andare in tour a supporto di For Unlawful Carnal Knowledge nel 1991, Alice in Chains aveva già pubblicato il loro album di debutto Facelift e “Man in the Box” era il loro singolo attuale. Hagar ha insistito affinché il nascente gruppo di Seattle aprisse per la sua band senza intimidazioni.

“Sono insicuro.” Ho detto: “Portiamoli al dannato spettacolo, in questo modo i loro fan sapranno che siamo fantastici!” “È venuto fuori per un po’ di paura per nervosismo “, assicura. Il tour apparentemente è andato bene per entrambe le band e alla fine siamo diventato amico di Jerry Cantrell”

 

Guarda l’intervista completa qui sotto:

Articoli Correlati

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*