Serj Tankian, cantante dei System Of A Down, ha chiesto invano agli Imagine Dragons di annullare il loro concerto previsto a Baku, in Azerbaijan, che si svolgerà il prossimo 2 settembre.

Serj, di origine armena, ha pubblicato un lungo post sui propri canali dicendo che aveva provato a contattare la band di Las Vegas ma di non aver ricevuto la risposta. Il cantante si è più volte speso sul genocidio armeno e la guerra in Nagorno-Karabakh.

Il cantante ha scritto un lungo post, e lanciando una petizione on line.

Ora bisogna dirlo.
Alcuni mesi fa, mi è venuto in mente che gli Imagine Dragons avevano programmato uno spettacolo il 2 settembre a Baku Azerbaijan. Ero sicuro che non fossero a conoscenza del fatto che il regime dittatoriale petro-oligarchico dell’Azerbaigian stava facendo morire di fame 120.000 persone nel Nagorno-Karabagh, che ora viene definito un genocidio dall’ex procuratore della Corte penale internazionale, Luis Moreno Ocampo. Quindi, attraverso i rappresentanti, ho inviato loro una lettera gentile esortandoli a riconsiderare l’idea di suonare il loro spettacolo in Azerbaigian perché avrebbe aiutato a imbiancare l’immagine del regime dittatoriale lì. Ho incluso vari articoli tra cui uno di Amnesty International con cui mi è stato detto che hanno lavorato in passato. Non ci è stata risposta. Nessuna risposta, nessuna risposta. Mentre la crisi umanitaria peggiora nel Nagorno-Karabagh con la fame già registrata, sono costretto a rendere pubblica questa lettera e il loro disprezzo per questa catastrofe umanitaria. Forse sentivano di avere la responsabilità legale di suonare lo spettacolo, forse semplicemente non gliene importa. Per tutta la vita sono stato un sostenitore del riconoscimento del genocidio e ho sempre affermato che deve esserci un prezzo da pagare per i regimi oi negazionisti del genocidio. Un altro genocidio è incombente da parte dell’Azerbaigian e mentre questo accade si godono una band americana di LV. Fanculo!
Non è giusto.
Di seguito una petizione alla band su change.org se ti interessa firmare e la mia lettera alla band se ti interessa leggere:
Cari Dan, Wayne, Ben e Daniel,
Prima di tutto, congratulazioni a tutti voi per i vostri successi negli ultimi dieci anni. Sono ben meritati e sono sicuro che il tuo futuro ne riservi molto di più.
Una delle cose che apprezzo di voi come artisti è che siete sostenitori attivi di varie questioni relative ai diritti umani e cause sociali. Il tuo lavoro con Amnesty International e la tua franchezza sulla guerra in Ucraina tra loro.
Ti sto contattando oggi per esortarti a riconsiderare e, si spera, annullare la tua prossima esibizione programmata a Baku, in Azerbaijan, il 2 settembre di quest’anno. Ciò è dovuto alle orrende violazioni dei diritti umani perpetrate dalla corrotta dittatura petro-oligarchica di Ilham Aliyev contro non solo il suo stesso popolo, ma migliaia di armeni (il mio popolo). Dal 2020, l’Azerbaigian ha creato la guerra contro gli armeni, uccidendo migliaia di persone, sfollando decine di migliaia e terrorizzando innumerevoli altri attraverso un blocco illegale che è stato ordinato di essere riaperto dall’ICJ e dalla Corte europea dei diritti dell’uomo. Qualche informazione in più qui sulla situazione dei diritti umani in Azerbaigian – https://www.amnesty.org/…/azerbaijan/report-azerbaijan/
La nostra band System Of A Down ha pubblicato due nuove canzoni nel 2020 come parte di una campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi per aiutare a porre fine a queste atrocità e aiutare a frenare questa aggressione. Con il mondo in così grande subbuglio dopo il COVID e la successiva guerra in Ucraina, gran parte del mondo è ancora all’oscuro di ciò che sta accadendo agli armeni a causa del regime di Aliyev. Hanno invaso l’Armenia e hanno commesso impunemente atroci violazioni dei diritti umani. Gli eventi internazionali e le esibizioni di artisti sono serviti solo a normalizzare e imbiancare il loro status all’interno della famiglia delle nazioni.
Ci sono stati artisti che hanno effettivamente parlato e cancellato i loro concerti a Baku per queste ingiustizie, tra cui la pop star ucraina Max Barskih. https://euroweeklynews.com/…/serj-tankian-comments…/
Come armeno e attivista per i diritti umani, mi sento disgustato nell’apprendere che entità come F1 Formula Racing e alcuni importanti artisti musicali si sono esibiti a Baku e mi chiedo se abbiano fatto qualche ricerca su dove stanno facendo i loro affari . A tal fine, Loudwire ha recentemente pubblicato un articolo riguardante la mia franchezza sull’imbiancatura dell’immagine del regime azero esibendomi lì in mezzo a tutti gli spargimenti di sangue e le violazioni dei diritti umani. https://loudwire.com/serj-tankian-calls-out-popular…/
Sento davvero che esibirsi in Azerbaigian avrebbe un impatto negativo anche sul tuo marchio. Sono fiducioso che possiate decifrare tutti i fatti per voi stessi per decidere se cancellare il vostro concerto. Ad ogni modo, apprezzo davvero il tuo tempo e la tua considerazione. Grazie per avermi ascoltato e spero di incontrarvi tutti un giorno.
Grazie
Serj Tankian 

Avatar
Author

Comments are closed.