Correva l’anno 1978. Proprio il 30 di marzo del 1978, 44 anni fa oggi. Un sinistro incidente sta per verificarsi su di un tetto di Londra e vede protagonisti i Clash, o meglio alcuni membri dei Clash, gruppo punk di nota fama.

Diversi amici del batterista Topper Headon si presentarono alla sala prove dei Clash per vendergli un fucile ad aria compressa. Loro, insieme al roadie Robin Crocker e al bassista Paul Simonon, salirono sul tetto e cominciarono a sparare ai piccioni vicini. Ma non piccioni qualunque!!! Erano in realtà piccioni da corsa molto costosi e anche piccioni viaggiatori! 

Individuati da un lavoratore della British Rail riuscì ad individuarli denunciandoli al CID, credendo che fossero anarchici che sparavano ai treni di passaggio sulla linea principale della stazione di Euston.

Vennero impiegate quattro auto della polizia ed anche un elicottero  per effettuare l’arresto.

Il road manager Johnny Green descrisse la situazione come “davvero molto seria. C’era un elicottero che girava in tondo, poliziotti che gridavano… era tutto fottutamente pesante”.

Le accuse di tentato omicidio colposo furono poi ritirate per mancanza di prove, anche se furono multati di 30 sterline ciascuno e dovettero pagare al proprietario dei piccioni da corsa 700 / 800 sterline di risarcimento.

Ed ecco che la canzone su cui la band stava lavorando in quel momento, venne intitolata per scherzo   “Guns on the Roof”, ma poi le venne riconosciuto ufficialmente il nome, che le è poi rimasto anche nell’album “Give ‘Em Enough Rope” del 1978.  Nel brano non si parla di piccioni ma di terrorismo internazionale e assassini generati da governi corrotti!

Anche questo è rock’n’roll!!!

Author

Born to Lose, Live to Win | Rock'n'Roll is my life, so... long live rock'n'roll !!!

Write A Comment

X