Dopo l’uscita della nuova canzone dei PusciferApocalyptic“, arrivata all’inizio di questo mese, il frontman Maynard James Keenan ha incontrato Zane Lowe di Apple Music per parlare dello stato del mondo e di dove si trova in questo momento.

Il cantante dei Tool ha sottolineato che di solito in questo periodo dell’anno è in tour. Questa è la prima primavera da molto tempo in cui è a casa nella sua vigna, essendo in grado di vedere sbocciare i suoi frutti.

“Bene, normalmente questa è la stagione del tour, preparandomi per il raccolto a luglio, agosto, settembre, ottobre. Quindi, questo è il momento in cui sarei fuori casa… Purtroppo, in realtà, negli ultimi sette anni, mi sono perso molte cose nei miei frutteti, come gli albicocchi. Li ho visti oggi, stanno iniziando a sbocciare. Quindi, normalmente, mi mancavano gli albicocche, i prugni, tutte le cose che stanno accadendo in questa particolare stagione. Quindi, è bello per me essere a casa, poter toccare le cose che ho piantato 15 anni fa.”

Per quanto riguarda l’attuale situazione nel mondo, Maynard pensa che questo sia solo l’inizio di un rapido cambiamento nel nostro modo di vivere:

“Sento che questo sia solo l’inizio. Le cose cambiano, i cambiamenti climatici, gli stravolgimenti, i riaggiustamenti, i riallineamenti. Probabilmente vedremo molte più di queste cose, perché, anche se si pensa di avere compreso tutto, ci sarà sempre qualcosa d’inaspettato… Avete sentito persone parlare dello scioglimento delle calotte di ghiaccio e del rilascio di strane cose imprigionate da millenni. 
Questo ci servirà per preparaci. Quindi dobbiamo abituarci.

Nonostante tutto, Maynard sta cercando di avere una mente aperta:

 “Sento che andremo verso molti cambiamenti. Subiremo sempre più disastri. Ho cercato di avere una mente aperta, non sempre presumo che tu abbia ragione solo perché hai successo. Voglio dire, anche adesso. Ieri sera abbiamo mangiato pasta con pomodori e basilico dal nostro giardino, bevendo il nostro vino. È una di quelle cose che non sono successe dall’oggi al domani. Abbiamo dovuto lavorare per questo. Bisognava impegnarsi per questo…Devi essere in contatto con dove sei, dove stai andando e potrei affermare: “Guarda come avevo ragione 25 anni fa quando ho piantato quel frutteto e ho seminato quel campo. “È assurdo. E’ proprio come piantare qualcosa”.

 

redazione
Author

Write A Comment

X