Tsunami pubblicherà il 2 aprile DISCONNECTION L’HARDCORE ITALIANO NEGLI ANNI NOVANTA di Giangiacomo De Stefano e Andrea “ICS” Ferraris.

Un libro che finalmente documenta l’HC italiano degli anni 90 con fotografie inedite e le voci di chi ha vissuto quegli anni.
«La storia di noi diversi inizia sempre in maniera simile: con una negazione. Non ci piace, non ci riconosciamo, non ci interessa la società che ci circonda e all’improvviso, in un periodo cruciale della nostra evoluzione, iniziamo ad ascoltare qualcosa che, capiremo poco dopo, non è musica – o, meglio, non è solo musica».
Dalla prefazione di Nico Vascellari (With Love, Ninos Du Brasil)

«L’hardcore scardinava ogni regola musicale e culturale, ridava le chiavi della creatività ai ragazzi ed era meravigliosamente incomprensibile per chi non aveva la giusta attitudine».
Inti Carboni

«Perché io sono hardcore come i Growing Concern!».
Colle Der Fomento

 

Dopo la fine della sua prima e storica ondata, nei primi anni Novanta l’hardcore italiano vive un nuovo, importante periodo. All’inizio del decennio prende infatti il via una scena nata dalle ceneri di quella precedente, che però affronta tematiche inedite e porta con sé un diverso modo di pensare. I furious years dell’italo hardcore anni Ottanta sono già stati documentati con dovizia di particolari in diversi libri e documentari, ma sino a oggi il decennio successivo era rimasto esclusivo appannaggio di chi l’aveva vissuto in prima persona. Questa carenza di testimonianze è un omissis storico, una sorta di anello mancante tra le radici del genere e quanto poi è successo nel nuovo millennio, durante il quale la scena hardcore ha continuato a essere fortemente rappresentata.

Ora, grazie alle voci dei componenti di gruppi dell’epoca come Growing Concern, Concrete, By All Means, Eversor, Tear Me Down, With Love, Sottopressione, Burning Defeat, Colonna Infame e tantissime altre realtà che in quegli anni sono fiorite da Aosta fino alla Sicilia, con questo volume può finalmente ricomporsi nella sua totalità quella che è stata la reale storia dell’hardcore punk italiano.

 

Giangiacomo De Stefano
Produttore e regista di documentari e serie televisive, lavora da anni con le più importanti realtà nazionali (Sky, Rai, Rai Cinema, La Effe — Feltrinelli, Classica, Cielo). Tra i tanti film, ha diretto At the Matinee, documentario sulla storia del CBGB’s e dell’hardcore di New York. Ha fatto parte della scenahardcore sin dalla fine degli anni Ottanta, suonando in gruppi come Ivory Cage, Ageing, Summer League, The Guilt Show e Cosa Nostra.

Andrea “Ics” Ferraris
Vive a Genova, dove lavora con i minori stranieri non accompagnati e va assiduamente in surf e in skate con risultati molto discutibili. Ha scritto di musica su diverse riviste italiane e straniere e fra gli altri ha suonato e registrato dischi con Maurizio Bianchi, John Russell, Andrea Marutti, Michael Palace, Luca Sigurtà e Craig Hilton. Negli anni Novanta ha inoltre suonato in gruppi hardcore come One Fine Day, Burning Defeat, Permanent Scar e Outright.

 
A questo link https://cutt.ly/Hz9vZdB IN OMAGGIO CON I PRIMI ORDINI IN REGALO UNA MAGLIETTA CON GRAFICA REALIZZATA IN ESCLUSIVA DA RINO VALENTE (FACEBOOK – INSTAGRAM)
 
 
 
Author

Write A Comment

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi