Raging Dead – When The Night Falls

Pavement Entertainment – Giugno 2017

Giovanissima band di Cremona attiva dal 2014, questi Raging Dead, dopo il promettente EP “Born In Rage” del 2015 ed una cospicua attività live culminata con le recenti esibizioni di supporto ai Sister e ai Toxicrose (qui il report della serata), giungono ora all’esordio sulla lunga distanza con questo “When The Night Falls”, pubblicato per la prestigiosa etichetta americana Pavement Entertainment, label che vanta nel suo roster nomi del calibro di Candlebox e Powerman 5000.

Il quartetto, guidato da Cloud Shade alla voce e Matt Void alla chitarra, si inserisce nel filone del cosiddetto Horror Punk Metal, mischiando le sonorità di gruppi come i Murderdolls (specie per quanto riguarda le vocals “urlate”) a feroci riff prettamente metal e condendo il tutto con sottili richiami allo sleaze rock ed aperture melodiche tipicamente eighties, che un orecchio attento non faticherà a riconoscere nei loro ritornelli cantati rigorosamente in coro. Tutto ciò è evidente già a partire dall’asfissiante assalto sonoro del brano d’apertura ”Streets Of Rage”, in cui la band urla la propria rabbia feroce nei confronti dell’ipocrita società attuale, quasi a ricordarci come il vero orrore risieda più nella vita quotidiana che nell’immaginario zombie-vampiresco all’interno del quale si muove il gruppo. Immaginario che emerge prepotentemente nel secondo brano, ossia la title track che, se a livello sonoro ripercorre lo stesso sentiero claustrofobico del primo brano, a livello lirico ci mette di fronte ai fantasmi delle nostre paure più infime che si nascondono nel buio.

Dopo un inizio così aggressivo, ci viene concesso un minimo di respiro quando la cowbell annuncia la più sleazy “Within Shadow”, in cui si narrano le avventure di una sexy vampira in cerca di sangue. A seguire, la tensione resta alta con la più cadenzata e metal “Army Of The Restless”, vera e propria chiamata alle armi degli zombie, e soprattutto con la bellissima “Nightstalker”, recuperata dall’EP d’esordio: guidata dall’ottimo lavoro alla chitarra da parte di Matt, il brano, tirato ed incisivo, si avvale di un chorus davvero vincente che lo rende uno dei pezzi più d’impatto dell’intero album.

Dopo una cattiva ma piuttosto anonima “Bloodlust”, si arriva ad un altro apice del disco, ossia il primo singolo “Crimson Garden” (qui potete vederne il video), caratterizzato da un ottimo ritornello fortemente melodico, ma aggressivo allo stesso tempo. Pezzo davvero azzeccato anche a livello lirico, con il protagonista intento a covare desideri di vendetta nei confronti degli assassini della sua amata, sepolta in una tomba all’interno di un giardino rosso sangue (”Crimson Garden”, appunto).

Detto dell’affiatata ed efficace sezione ritmica composta da Tracii Decadence (batteria) e Simon Nightmare (basso), ottimo tappeto per i vocalizzi rabbiosi di Cloud ed i riff lancinanti di Matt, l’ascolto dell’album prosegue con “Scratch Me” (anch’essa già presente su “Born In Rage”), che ci ha richiamato alla mente i Guns n’ Roses più incazzati, e con il riff trascinante di “Doomsday”, in cui tornano le atmosfere claustrofobiche dei primi due brani.

La chiusura dell’album è affidata a “Ballad Of The Storm”, titolo fuorviante perché di ballad qui non ce n’è manco l’ombra: sulla delicata chitarra acustica che apre la canzone, si innesta infatti immediatamente l’ennesimo riff deciso e c’è spazio pure per un break quasi thrash. Ottimo, inutile dirlo, il ritornello anche in questo episodio conclusivo.

Davvero bravi questi Raging Dead. “When The Night Comes” è un prodotto che non ha niente da invidiare ad album dello stesso genere provenienti da oltreoceano o dalla più vicina Scandinavia: il lavoro svolto in fase di produzione ad opera di Francesco Altare è ottimo, il livello delle composizioni è alto ed anche look e artwork sono curati in maniera professionale. L’età è sicuramente dalla parte di questi quattro ragazzi, ma ci vien da dire che più che ad una promessa ci troviamo davanti già ad un’ottima realtà della scena, e non solo di quella italiana.

La band si esibirà all’interno della kermesse Rock In Park il prossimo 29 settembre al Legend di Milano in compagnia di Dark Lunacy, Starsick System e Blood Inc.. Qui i dettagli dell’evento.

Non abbiate paura: fatevi accompagnare dai Raging Dead ad affrontare il buio che arriva al calar della notte…

https://www.facebook.com/RagingDead

ragingdead.info@gmail.com

Tracklist:

  1. Streets Of Rage
  2. When The Night Falls
  3. Within Shadow
  4. Army Of The Restless
  5. Nightstalker
  6. Bloodlust
  7. Crimson Garden
  8. Scratch Me
  9. Doomsday
  10. Ballad Of The Storm

Band:

Cloud Shade – voce, cori

Matt Void – chitarre, cori

Simon Nightmare – basso, cori

Tracii Decadence – batteria, cori

 

Articoli Correlati

About Andrea Donati 84 Articoli
All you need to know about me is that I was born and raised on Rock 'n' Roll. We'd better let the music do the talking, as Joe Perry used to say...
Contact: Facebook

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*