Durante una recente apparizione in “Drinks With Johnny“, la serie su Internet condotta dal bassista degli AVENGED SEVENFOLD Johnny Christ, il bassista dei METALLICA Robert Trujillo ha parlato del cosiddetto “doodle“, il divertente e insolito intermezzo che i METALLICA hanno aggiunto ai suoi spettacoli negli ultimi tour. Ad ogni concerto, Trujillo e il chitarrista Kirk Hammett hanno suonato cover di brani di alcuni artisti locali – spesso scegliendo brani che sono molto lontani dal tradizionale suono metal della band.

Alla domanda su come sia nata l’idea dei “doodle”, Robert ha detto:

“Eravamo in Europa, ad Amsterdam, e avevamo provato un paio di… C’era stato un momento dove eravamo noi due, in cui avremmo dovuto suonare una parte di una canzone dei METALLICA, “I Disappear” o qualcosa del genere, e abbiamo iniziato a notare che non “non ottenevamo il risultato che volevamo”. Cominciavamo a suonare, come “Eye Of The Beholder” o qualcosa del genere, e poi la folla si aspettava James a cantare, e quindi “Amico, questo non funziona”. Avevano la sensazione che fosse un momento di intro della canzone e ho iniziato a pensare: “Dobbiamo fare qualcosa di diverso”. Così Kirk ha iniziato a suonare quella canzone degli CHIC [ ‘Le Freak’ ], e mi ha preso alla sprovvista. E io ho pensato ‘Oh, dannazione. Va bene, vedo dove sta andando. Stava camminando verso lo snake pit suonando questa jam di funk. Non conoscevo esattamente la linea di basso, quindi l’ho improvvisata. E poi la seconda notte, ho capito.”

Ha continuato:

“Ad Amsterdam uno dei membri del nostro team ha suggerito, ‘Perché non suonate una canzone della rock band olandese GOLDEN EARRING , “Radar Love” ? Date un’occhiata. “E noi : Davvero?” Così ho iniziato a suonare la linea di basso, e poi la folla ha iniziato a cantare, ed è stato come “Aspetta un minuto. Funziona”. Quindi abbiamo iniziato a suonare alcuni brani di band locali di ogni città. Ad esempio, uno dei momenti salienti è stato a Praga dove abbiamo suonato una canzone country chiamata “Jožin Z Bažin” [di Ivan Mládek]. E poi abbiamo suonato, a Barcellona, ​​una specie di canzone acustica flamenco, di un artista chiamato Peret – si chiama “El Muerto Vivo” , e ho cantato in spagnolo, facendo del mio meglio e la gente è impazzita…

Quindi ho fatto un sacco di ricerche e ho fatto ricerche su ogni singola città, anche l’Estonia, e ho scoperto che punk, alternative, – non importava lo stile – e ho imparato la lingua, ho fatto la fonetica con il testo e siamo usciti e abbiamo fatto gli accordi. Sto parlando di un assolo di fisarmonica, Kirk lo suonava. Quindi abbiamo fatto i compiti e ci siamo davvero impegnati. Sono stato a [casa di Kirk nelle Hawaii] per lavorare con lui sugli accordi. Ho trascorso circa cinque giorni lì rigorosamente sulle [canzoni]. Non stavamo nemmeno facendo surf, eravamo solo “boom”. Quindi ci siamo impegnati molto.

“E ogni sera è stata grandiosa…  All’improvviso, li sorprendiamo e ottengono ciò che non si aspettavano. Johnny Hallyday a Parigi, allo Stade De France, davanti a 85.000 persone ed essere lì e sentire che l’energia e la connessione emotiva con la folla a quel livello era speciale, ma è stato un lavoro così duro. Non so come l’abbiamo fatto.

“Ho incontrato delle persone, tipo, a volte lo facevo anche per telefono, due ore per ottenere la pronuncia della lingua giusta. Quindi è stato un sacco di lavoro… 

Tra le molte cover anche Killers dei Maiden a Londra, non riusciutissima, El Diablo dei Litfiba a Milano, Engel dei Rammstein a Berlino.

redazione
Author

Write A Comment

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi