Mitch Malloy, che fece il provino per sostituire Sammy Hagar nei VAN HALEN nell’estate del 1996, ha celebrato l’eredità musicale di Eddie Van Halen con la MITCH MALLOY’S VH EXPERIENCE il 9 ottobre al Mattie Kelly Arts Village di Destin, Florida. Mitch è stato sostenuto da una band con Pete Thorn (Chris Cornell, Don Henley, Melissa Etheridge) alla chitarra, Daniel Spriewald (Phil X dei BON JOVI) al basso e Wayne Killius (Keith Urban, BIG & RICH, Luke Bryan) alla batteria.

Il video multicamera di MITCH MALLOY’S VH EXPERIENCE che esegue il classico dei VAN HALEN “Jump” al concerto di Destin può essere visto qui sotto.

Malloy ha raccontato la storia della sua giornata negli studi 5150 di Eddie Van Halen a Melodic Rock: “Un tizio che lavorava per il loro management all’epoca era il mio road manager e continuava a chiamarmi per dirmi che avrebbero licenziato Sammy e che io sarei stato il prossimo cantante dei VAN HALEN. Continuava a chiamare e chiamare e alla fine mi sono infastidito e gli ho detto di smettere e che non pensavo di essere adatto ai VAN HALEN e che se era serio, avrebbe dovuto farmi chiamare da Ed. Una settimana dopo, Desmond Child mi chiama e dice che è appena uscito da casa di Ed e che stava scrivendo con loro e che stavano parlando di me e che stavano guardando il mio video di ‘Anything At All’, e che gli ha detto che ero perfetto per loro, e che sarebbero stati fortunati ad avermi. E prima che me ne accorgessi, ero su un aereo per Los Angeles. E’ stato fantastico”.

Secondo Malloy, Eddie gli disse che era nella band il suo terzo giorno in studio. Ma quando Eddie, Michael Anthony e Alex Van Halen salirono sul palco con il loro estraniato cantante David Lee Roth per la prima volta in 12 anni agli MTV Video Music Awards del 1996, Mitch capì che il concerto dei suoi sogni era crollato.

“Ero seduto a guardare la TV da solo”, ha detto Mitch a Rolling Stone. “Non è stato bello. Credo che letteralmente mi sia caduta la mascella. Quindi, in quel momento, sono rimasto scioccato. E sai come a volte, come esseri umani, sappiamo certe cose? Lo sai e basta. Non c’è bisogno di dirlo. Nessuno deve dire niente. La gente sa le cose e basta. E nel momento in cui Roth se ne andò dietro di loro, sapevo che era finita. Non sarò nei VAN HALEN. In qualche modo lo sapevo. E così è stato per me. Ero proprio come, ‘Questo è tutto. Questo non può accadere ora”. Lo sapevo e basta. Era solo … un muro è venuto giù. Ma mi sentivo come se fosse finita, in qualche modo. Era come, ‘Questo non può funzionare ora’. Non perché la gente non mi accetti. Ma c’è qualcos’altro che sta succedendo e che non capivo completamente in quel momento. Sapete cosa voglio dire? E’ stato come un coltello che mi ha tagliato e semplicemente, era finita. Penso che sia l’unica volta che mi sia successo in vita mia, che sia stato così definitivo. E avevo molto da fare a quel tempo, a parte i VAN HALEN. Una vera promessa per la mia carriera che andava avanti.”

Il successivo cantante dei VAN HALEN finì per essere Gary Cherone, ex frontman della band EXTREME. Il suo unico album con il gruppo fu “Van Halen III”, che fu una delusione critica e commerciale. Hagar e Roth si riunirono entrambi ai VAN HALEN in vari momenti dal 2003, con quest’ultimo che apparve nell’ultimo album dei VAN HALEN, “A Different Kind Of Truth” del 2012.

Il coinvolgimento di Malloy con i VAN HALEN è al centro di un breve documentario, “Mitch Malloy: Van Halen’s Lost Boy”, che è stato caricato su YouTube nel 2013.

Author

Write A Comment

X