Il figlio di Ozzy Osbourne, Jack, ha parlato con Collider della prossima “Biografia”: The Nine Lives Of Ozzy Osbourne”, che verrà presentato in anteprima quest’estate. Il film, prodotto da A&E nell’ambito della serie “Biography”, celebra la vita di Ozzy e presenta interviste a Sharon, Rick Rubin, Ice-T, Marilyn Manson, Rob Zombie, Jonathan Davis e Post Malone. Ozzy, Sharon e Jack executive hanno prodotto il film, che l’ex produttore di “Osbournes” R. Greg Johnston ha diretto.

Ha detto Jack Osbourne:

Avevo fatto un documentario – ‘God Bless Ozzy Osbourne’ – su mio padre, nel 2010. Stavamo facendo ‘Ozzy & Jack’s World Detour’, quando la A&E si è rivolta a noi per la prima volta dicendoci: “Stiamo riportando ‘Biografia’, e vogliamo fare una biografia di Ozzy”. E la mia risposta è stata: “Beh, non voglio essere sostenuta nel vostro formato per il documentario perché è una cosa molto generica e standard”. E loro hanno detto: “No, cambieremo “Biografia””. Così, siamo entrati nell’ idea di fare ‘Ozzy & Jack’s World Detour’, quando la A&E si è avvicinata per la prima volta a noi. Dicevano: “Stiamo riportando ‘Biografia’, e vogliamo fare una biografia di Ozzy”. E la mia risposta è stata: “Beh, non voglio essere sostenuta nel vostro formato per il documentario perché è una cosa molto generica e standard”. E loro hanno detto: “No, cambieremo “Biografia””. Così, abbiamo cominciato a pensare su come volevamo che andasse. Ho una società di produzione, quindi è stato tipo: “Perché non lo facciamo con noi?

In definitiva, non posso prendermi molto credito per il documentario perché è stata davvero la visione del regista, Greg Johnston. È un grande appassionato di musica e fan, e lavoriamo insieme da quando era uno dei produttori esecutivi originali di “The Osbournes”. Abbiamo una storia così lunga di lavoro con lui, e lui ha una tale comprensione di noi, personalmente, come famiglia, e della carriera di mio padre che non è stato affatto facile fargli prendere il timone. Credo che l’abbia messo al tappeto. E per quanto riguarda il tempismo, sono passati 10 anni dall’uscita dell’ultimo documentario e sono cambiate molte cose. Nei prossimi cinque o dieci anni, mio padre probabilmente andrà in pensione, quindi ho pensato che fosse il momento giusto”.

 

Redazione
Author

Write A Comment

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi