In una nuova intervista con il Toronto Sun, il chitarrista degli WHO Pete Townshend ha affermato che i fan non dovrebbero essere sorpresi dal fatto che il nuovo album della band, “Who”, non suona molto diverso dai classici degli WHO in termini di “potente sound rock”. Il chitarrista ha dichiarato:

“Non assomiglia agli Who di quei primi anni dell’heavy metal”, ha spiegato. “Abbiamo in un certo senso inventato l’heavy metal con [il nostro primo album live]” Live At Leeds“[del 1970].

E prosegue:

“Siamo stati copiati da così tante band, principalmente dai LED ZEPPELIN – sapete, batteria pesante, basso pesante, chitarra pesante e alcune di quelle band, come ad esempio Jimi Hendrix, hanno fatto molto meglio di noi.

I CREAM, con Eric Clapton e Jack Bruce e Ginger Baker, arrivarono nel ’67, lo stesso anno di Jimi Hendrix, e in qualche modo ci rubarono la scena in un certo senso. Quindi, se le persone che vogliono ascoltare quel vecchio suono heavy metal, ci sono molte band che possono farlo. Quindi non è proprio quello che possiamo fare oggi. Anche se volessimo, non è mai stato in cima alla mia lista di desideri “.

Il chitarrista dei The Who, Pete Townshend, non nuovo ultimamente a dichiarazioni un po’ particolari, aveva chiarito i suoi commenti sulla morte dei compagni di band Keith Moon e John Entwistle, apparsi ieri dopo un’intervista, sostenendo che fosse “ironico” con “humor inglese”.

“Who” è entrato nella classifica del Regno Unito nella posizione n. 3, diventando il disco famoso della band nel Regno Unito in 38 anni.

 

redazione
Author

Write A Comment

X