Il frontman dei BEHEMOTH Adam “Nergal” Darski è tornato in tribunale per difendersi dalle accuse di aver mancato di rispetto a uno dei simboli nazionali della Polonia.

Già nel gennaio 2018, è stato annunciato che Nergal era stato formalmente accusato dalle autorità polacche in un caso che coinvolgeva l’opera d’arte e il merchandising del tour “Republic Of The Unfaithful” della band, che si diceva fosse “un insulto” allo stemma nazionale polacco, un’aquila bianca stilizzata con becco e artigli dorati, e che indossava una corona d’oro, in uno scudo rosso. Tre mesi dopo, Nergal ha pubblicato un aggiornamento via Instagram, rivelando che “tutte le accuse assurde” contro di lui sono state “respinte”.

Ora, in un nuovo messaggio sui suoi social media, Nergal ha rivelato che il caso è stato riaperto e che la questione è oggetto di ulteriori indagini.

Ha scritto:

Così alcuni idioti continuano a sostenere che “La Repubblica dell’infedele” @behemothofficial logo è un sacrilegio dell’emblema nazionale polacco. In realtà NON lo è. Ma hanno insistito per riaprire il caso per indagare ulteriormente. Pensano che i diritti d’autore dell’aquila bianca siano di esclusiva proprietà della Polonia e che ogni altra interpretazione dell’uccello sia una bestemmia. I miei antagonisti sembrano essere così disperati da inchiodare il loro capro espiatorio preferito al loro marcio croce morale che gli è mancato tutto il buon senso della narrazione. Ci accusano di essere anti-polacche. Se me lo chiedete, passare ore in tribunale, coinvolgere tutte le persone in giro (giornalisti, giudici, avvocati, ecc.) a spendere xxx soldi delle tasse per un altro assurdo caso è DEEPLY anti-Polish. Tutti noi avremmo potuto risparmiare questo tempo per fare qualcosa di creativo, non è vero?

 

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

#blackmetallivesmatter?! So some idiots still claim that “The Republic of the unfaithful” @behemothofficial logo is a sacrilege of Polish national emblem. It is NOT in fact. But they insisted to reopen the case to investigate further. They think that copyrights of white eagle is solely owned by Poland and every other interpretation of the bird is a blasphemy. My antagonists seem to be sooo desperate to nail their favorite scapegoat to their rotten moral cross that they missed all the common sense in the narrative. They accuse us of anti-Polish act. If u ask me, spending hours in the court, engaging all the people around (journalists, judges, lawyers etc etc) spending xxx tax money on another absurd case is DEEPLY anti-Polish. We all could have saved this time to do something creative, couldn’t we? Photos by @karolina_misztal

Un post condiviso da Adam Nergal Darski (@nergal69) in data:

Redazione
Author

Write A Comment

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi