Donna rischia allontanamento dall’aereo prima del volo a causa della sua t-shirt con su scritto ‘Hail Satan’

Secondo quanto riferito, una donna è stata costretta a cambiare la sua maglietta “Hail Satan” da un aereo dell’American Airlines prima di un recente volo dalla Florida a Las Vegas. Secondo Buzzfeed News, l’equipaggio di volo dell’AA ha trovato la maglietta offensiva e ha chiesto al membro del Tempio Satanico Swati Runi Goyal, 49 anni, di cambiarla o di scendere dall’aereo.

Il Tempio Satanico è un’organizzazione non teista, nel senso che in realtà i fedeli non credono nell’esistenza di Satana. Piuttosto, il Tempio è più un gruppo di attivisti e un club sociale focalizzato su questioni come la separazione tra chiesa e stato, libertà religiosa, libertà di parola e diritti delle donne.

 
Swati Runi Goyal racconta:
Inizialmente pensavamo solo che fosse uno scherzo. Ma ha ripetuto la direttiva, e c’era un altro membro dell’equipaggio femminile che era dietro di lui con le braccia incrociate e sembrava molto arrabbiato.

La donna ha risposto:

Sono una donna di minoranza nata all’estero, capisco ‘offensiva’ e questa maglietta non è offensiva.

Goyal afferma di aver indossato la maglia durante più voli in passato. Dopo che Goyal e suo marito si sono rifiutati di uscire dall’aereo, il marito ha prestato a Goyal una delle sue camicie per coprire la sua camicia “Ave Satana”. I due viaggiatori dicono di essere stati ignorati dall’equipaggio per il resto del loro volo, anche quando è arrivato il carrello delle bevande.

La donna aggiunge:

Sono solo una persona dall’aspetto ordinario. Non mi vesto in modo gotico. Non ho piercing. Non indossavo una maglietta con una capra decapitata. Avevo pantaloni da trekking LL Bean e scarpe da ginnastica vegane. Voglio dire, non potevo sembra più che un secchione.

Il sito Web di American Airlines elenca la loro politica secondo cui i passeggeri sono tenuti a “vestirsi in modo appropriato” ed evitare “indumenti offensivi”, sebbene non siano menzionati dettagli su ciò che potrebbe essere ritenuto offensivo.

Ha aggiunto il portavoce di AA Ross Feinstein:

I nostri assistenti di volo hanno una responsabilità nei confronti di tutti i passeggeri che ci assistono e talvolta dobbiamo prendere decisioni difficili associate all’applicazione delle nostre politiche. Ci scusiamo con la signora Goyal per la sua esperienza e stiamo cercando di capire cosa è successo.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


X