In un’intervista recente con Classic Rock Magazine, il chitarrista dei Guns N’ Roses Slash ha discusso della sua passione per gli Aerosmith e di come la band abbia influenzato il suo gusto musicale:

Come hai scoperto gli Aerosmith?

“Quando mi sono trasferito negli Stati Uniti, a 13 o 14 anni, ho iniziato a scoprire la musica. Stavo frequentando questa ragazza che aveva il doppio della mia età. Quando finalmente sono entrato nel suo appartamento, mi ha fatto ascoltare “Rocks” del 1976 per la prima volta.

“E quel disco ha semplicemente trasformato tutta la mia vita. Sembrava quasi che fosse stato scritto per me. Una volta che l’ho sentito, all’improvviso ho capito di cosa parlava la vita.

“È stata questa cosa assordante, piena di riff, con queste urla e con questo groove davvero sexy. Quel disco era così diretto”

È questo il disco che ti ha ispirato a iniziare a suonare la chitarra?

“Non sono sicuro di aver iniziato a suonare a causa di quel disco, ma era certamente in quel periodo. Certamente uno dei primi riff che volevo imparare era “Back in the Saddle”.

“Penso di aver avuto 15 anni quando ho iniziato a suonare la chitarra e ho sentito per la prima volta” Rocks “circa un anno prima.”

Cosa c’era di così incredibile negli Aerosmith allora?

“Per me, tutto riguardava la musica, non la loro immagine o stile di vita. Non ho iniziato a guardare le band da un punto di vista dell’immagine…

“Da bambino conoscevo molte rock star – perché i miei genitori facevano parte di quella scena, quindi non è stato un grosso problema per me. È stato solo più tardi, quando ho iniziato a vedere le riviste di rock ‘n’ roll, che ho davvero prestato attenzione all’immagine.

“Sapevo che erano fighi. Sembravano semplicemente fottutamente cattivi.

“Joe Perry era il chitarrista più bello, Steve Tyler sembrava completamente ossessivo. Sai, gli Stones erano fantastici, ma erano la band di mio padre. Gli Aerosmith erano la mia band.”

Descrivi la prima volta che li hai mai ascoltati.

“Ricordo di aver sentito ‘Walk This Way’ alla radio. Ricordo vagamente di aver amato quella canzone ma non ero a conoscenza che fossero gli Aerosmith. Poi l’album ‘Rocks’ mi ha cambiato.

“Me ne sono reso conto – era in un momento in cui non avevo affatto soldi, quindi acquistare un intero disco è stata una grande cosa. Successivamente, ho preso “Live! Bootleg” perché aveva tutte le loro grandi canzoni .

“Adoro quel disco. Per me è l’album rock ‘n’ roll per antonomasia di tutti i tempi. È incredibile. Da lì ho preso ogni singolo disco degli Aerosmith.”

Quando li hai visti per la prima volta dal vivo?

“Nel 1978 al World Music Festival – due giorni, dalle 15 alle 20 band al giorno. Ted Nugent e Cheap Trick sono erano gli headliner del primo giorno, Aerosmith e Van Halen del secondo giorno. E gli Aerosmith hanno fatto fottutamente schifo!

“C’era solo una canzone nel set che ho effettivamente riconosciuto! Tutto era solo un’enorme raffica di rumori. È stato deludente per me – mi aspettavo che fossero più professionali.”

Probabilmente erano drogati.

“Oh, sono sicuro che lo fossero. Ma allora non avevo idea di cosa fosse la band. Non sapevo che, a quel punto, un buon spettacolo degli Aerosmith fosse un evento raro. Van Halen li ha eclissati completamente!

“Ero così innocente… Ricordo di aver visto Steve Tyler cadere sul palco e pensare: ‘Wow, il ragazzo deve essere davvero maldestro.’ Non avevo idea che fossero coinvolte droghe.

“È stato solo quando Joe Perry ha lasciato la band [nel 1979] che ho capito. A quel punto si parlava molto dei loro problemi di droga. E mi ha davvero colpito. Non riuscivo a capire perché una band così distruggesse tutto

“Quando è morto Keith Moon, ho capito perché gli Who si sono separati. Quando è morto John Bonham, Jimmy Page ha detto, ‘Non possiamo continuare come Led Zep senza John.’ Che potevo capire. Ma quando gli Aerosmith si sono divisi, mi ha spezzato il cuore. “

Ma sicuramente la cosa della droga faceva parte del fascino, fa parte dello show-biz?

“Beh, il fatto è che vengo comunque da quel tipo di background. Sono stato esposto a un sacco di droghe fin da giovane. Quindi è stata proprio la loro musica e il loro atteggiamento che mi hanno attratto.

“Più tardi, quando ho fondato le mie band, erano sempre band che bevevano whisky, fumavano erba e prendevano acidi. Tutto quel tipo di merda. Ma non credo di aver compreso appieno i problemi che gli Aerosmith avevano fino a quando ho iniziato a farmi di eroina”.

Hanno finito per registrare dei dischi orribili, vero?

“No! Solo uno. Hanno realizzato un album senza Joe o Brad [Whitford, chitarra],” Rock in a Hard Place “[1982]. Aveva delle belle canzoni, ma non suonava bene. E così è stato. “

redazione
Author

Write A Comment

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi