È passato più di un anno da quando Fear Inoculum dei TOOL ha debuttato in cima alla classifica degli album della Billboard 200, segnando l’ultimo disco rock a raggiungere il numero 1.

Ora, il rock è ritornato all’apice della Billboard 200 nientemeno con un album di un rapper, Machine Gun Kelly, già entrato nella top ten della classifica con ciascuno dei suoi primi quattro album in studio ufficiali, ma senza mai aver raggiunto il primo posto prima. E lo fa con un album pop-rock-punkTickets to My Downfall, prodotto in gran parte dal veterano Travis Barker, batterista dei Blink-182, non nuovo a collaborazioni con rapper e trapper, tra cui l’ultimo live con Post Malone dove ha riprodotto una sequenza di brani dei Nirvana durante il periodo di lockdown.

L’album ha debuttato al numero 1 la settimana scorsa con un record di 126.000 unità di album equivalenti.

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

🙏🏼

Un post condiviso da the Blonde Don (@machinegunkelly) in data:

Nel 2019, Baker è apparso nel film The Dirt, il film biografico sulla band Mötley Crüe dove interpretava il batterista Tommy Lee e nello stesso anno publicava il suo quarto album in studio, Hotel Diablo, che si concludeva con il brano “I Think I’m Okay“, una canzone più rock in collaborazione con Yungblud e il batterista dei Blink-182 Travis Barker. La canzone è diventata molto popolare, raggiungendo il numero 8 nella Billboard US Hot Rock Songs di fine anno, probabilmente facendo scattare la miccia per la registrazione di un intero album sul filone pop-punk.

Il primo singolo dell’album, “Bloody Valentine“, è stato pubblicato il 1° maggio 2020. All’inizio di agosto, la canzone ha avuto oltre 30 milioni di visualizzazioni su YouTube, spinta dalle radio rock e anche dalla nuova fidanzata di Baker, l’attrice Megan Fox. Seguono poi “Concert for Aliens”,  “My Ex’s Best Friend”, e la pubblicazione della cover di Killing in the Name del classico dei Rage Against the Machine eseguita sempre insieme al batterista Travis Barker dei Blink-182.

E per chi non digerisce il rapper che suona chitarre rosa, si segnala al quinto posto il debutto di Ohms dei Deftones

 

redazione
Author

Write A Comment

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi