Alcune ex partner di Marilyn Manson, tra cui Rose McGowan e Dita Von Teese, si sono espresse sul cantante dopo che l’attrice statunitense 33enne Evan Rachel Wood lo aveva identificato come suo violentatore la scorsa settimana.

Tuttavia l’attuale moglie di Manson, Lindsay Usich, non ha ancora espresso alcuna dichiarazione sulle vicende del marito. Il cantante avrebbe sposato l’artista e fotografa di Los Angeles durante il primo lockdown, secondo le dichiarazioni dell’amico attore Nicholas Cage

Accodandosi ai tantissimi attori, e personaggi dello spettacolo e della musica che lo accusano pubblicamente anche la frontwoman degli Otep, Shamaya, accusa il cantante, dicendo che la donna l’ha chiamata regolarmente a casa per sfogarsi sugli abusi subiti per mano di Manson.

In un post su facebook, Otep ricorda che usciva con una donna che era buona amica di Usich. Otep dice che era a conoscenza delle conversazioni che la sua ragazza e Usich avrebbero avuto, che descrivevano il pesante uso di droghe e le minacce di violenza da parte di Manson contro la sua attuale moglie.

Otep scrive:

ATTENZIONE: ECCO UN’OPINIONE IMPOPOLARE: Ciao a tutti, ok, ho ricevuto molte richieste riguardo ai miei pensieri su Manson. Normalmente non discuto di cose personali, ma poiché tutte queste prove stanno venendo fuori che ha aggredito sessualmente e fisicamente un certo numero di donne e minori per non parlare del fatto di essere un sessista e un simpatizzante nazista, ho deciso di dirvi quello che so.

Ero un suo grandissimo fan. Ho persino indossato la sua maglietta all’Ozzfest quando la gente lo incolpava di Columbine. E l’ho incontrato molte volte. Abbiamo amici comuni tra cui il figlio di Gene Simmons, Nick Simmons. Manson ha anche detto a uno dei miei fan che aveva paura di me dopo l’uscita di SEVAS TRA, cosa che ho preso come un ENORME complimento.

Ma poi sono uscito con una donna che era amica della sua attuale moglie Lyndsay (e sua sorella gemella – che è sposata con James Iha di A Perfect Circle) e Lyndsay chiamava a casa nostra nelle prime ore e mi è stato detto che era isterica perché lui era sotto un’altra abbuffata di droga, minacciando la sua vita, lanciandole coltelli conficcati nel muro e aggredendola verbalmente. Ci siamo offerti molte volte di farla venire da me perché non mi avrebbe MAI affrontato con quelle stronzate (credeteci) ma purtroppo lei non lo ha lasciato. Quindi, il mio ex si sarebbe calmato e avrebbe parlato con lei fino a quando Manson non si sarebbe reso conto che era al telefono e lui era andato via.

Ma poi ha iniziato a chiamare nelle prime ore del mattino. Mi è stato detto che era paranoico, impazzito e che accusava sua moglie di tradirla con una persona immaginaria che aveva i capelli biondi con i baffi biondi di nome “Don” che lui, mi è stato detto, aveva visto sulle telecamere di sicurezza “scopare sua moglie”.

Guarda. Questo è straziante per tutte le donne che ha ferito ma anche per tutti i fan che lo hanno sempre sostenuto, come ME.

MA — Non è il malvagio luciferino che tutti pensano che sia. È solo un drogato violento che sceglie di fare il prepotente e, secondo i rapporti, attacca fisicamente e sessualmente le donne che pensa siano più deboli di lui. Io dico … possa marcire. #OTEP

Ieri Manson è stato lasciato dal suo manager Tony Ciulla, che era stato al suo fianco per 25 anni. Negli ultimi giorni, è stato anche lasciato dal suo agente, scaricato dalla sua etichetta discograficaLoma Vista Recordings, e tagliato da due programmi televisivi – American Gods e Creepshow – in cui aveva ruoli da attore.

Il 23 aprile 2019, la star di Westworld Evan Rachel Wood aveva testimoniato davanti al comitato di pubblica sicurezza del Senato della California in rappresentanza dei promotori del Phoenix Act, una legge destinata a dare alle vittime per avere  più tempo per farsi avanti e parlare contro i loro accusatori per i crimini di violenza domestica.

La sua ex fidanzata Jenna Jameson, che lo ha frequentato alla fine degli anni ’90, aveva detto che “fantasticava di bruciarmi vivo” .

Author

Write A Comment

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi