Quasi mezzo secolo dopo aver iniziato a registrarlo, Neil Young ha finalmente pubblicato il suo album “perduto” intitolato Chrome Dreams.

Ora è il momento per Chrome Dreams di farsi strada nel mondo, come lo percepiva Neil Young”

Il lavoro era originariamente previsto per il 1977. Young iniziò nel 1974 la genesi dell’album registrando una versione di “Star of Bethlehem” che sarebbe finita nel suo album del 1977, American Stars’n Bars. Da lì, Young si è trovato in un periodo di cambiamento, registrando diverse canzoni con vari collaboratori accumulando varie demo su un disco chiamato Chrome Dreams.

Alla fine, Young ha deciso di non pubblicarlo, includendo poi alcune canzoni su American Stars ‘n Bars; altri in Rust Never Sleeps del 1979.

L’album contiene 12 brani, tra cui due versioni inedite e quattro brani mai pubblicati prima su vinile, che possono già essere ascoltati sulle piattaforme di streaming, ma non su Spotify, perché il cantautore ha ritirato il suo catalogo.

Chrome Dreams Tracklist:
01. Pocahontas (11 agosto 1976)
02. Will to Love (3 dicembre 1976)
03. Star of Bethlehem (13 dicembre 1974)
04. Like a Hurricane (29 novembre 1975)
05. Too Far Gone (5 settembre 1975)
06. Hold Back the Tears (6 febbraio 1977)
07. Homegrown (19 novembre 1975)
08. Captain Kennedy (11 agosto 1976)
09. Stringman (31 marzo 1976)
10. Sedan Delivery (22 maggio 1975)
11. Powderfinger (11 agosto 1976)
12. Look Out for My Love (20 gennaio 1976)

 

Avatar
Author

Comments are closed.