Candlemass – House Of Doom

 

Napalm Records – Maggio 2018

Non è mai facile giudicare un EP di soli quattro pezzi, se poi il nome in questione è quello dei Candlemass, beh diventa ancora più difficile.
Una band dalla storia abbastanza travagliata, simbolo del doom metal degli anni ottanta, e che nonostante tutto riesce ancora a catalizzare l’attenzione dei media e a creare una certa attesa ad ogni nuova uscita.

House Of Doom’ è il nuovo EP, il secondo con Mats Leven alla voce, entrato in pianta stabile nel gruppo nel 2012, un succoso antipasto del disco che verrà (probabilmente entro la fine del 2018).
Si parte con la title track, introdotta da oscure campane che lasciano spazio alle chitarre, ipnotiche e ossessive nel riffing. Un brano abbastanza classico ma che si fa ascoltare con piacere, soprattutto nel break (minuto 2:17) dove il tempo rallenta e l’organo si mischia con le chitarre.
La successiva ‘Flowers Of Deception’ vede Mats Leven più grintoso ed incisivo, una song che si assesta su buoni livelli ma che manca di quel guizzo che fa la differenza. ‘Fortuneteller’ è un episodio acustico e malinconico, il brano più “curioso” di questo mini album che ha l’unico difetto a mio avviso nell’interpretazione vocale di Mats, troppo teatrale e forzata soprattutto nelle tonalità più basse.

In chiusura ‘Dolls On A Wall’ lugubre strumentale che presenta una prima parte più ritmica mentre nel finale la coppia Biörkman/Johansson si destreggia bene tra assoli melodici e ragionati.

Ci auguriamo che ‘House Of Doom’ abbia un seguito questa volta più lungo, intanto possiamo stare tranquilli perché sappiamo che i Candlemass sono lì, in agguato, pronti per un nuovo capitolo discografico.

www.candlemass.se

Tracklist:

1.House Of Doom
2.Flowers Of Deception
3.Fortuneteller
4.Dolls On A Wall

Band:

Mats Leven – voce
Leif Edling – basso
Mats “Mappe” Björkman – chitarra
Lars “Lasse” Johansson – chitarra
Jan Lindh – batteria

Articoli Correlati

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*