Il celebre produttore discografico Phil Spector, è morto in prigione il 16 gennaio 2021 a causa delle complicazioni del COVID-19.

Fu famoso per aver prodotto i dischi solisti di John Lennon e Let It Be dei Beatles, con un mixaggio controverso e non amato da Paul McCartney. Fu celebre anche per aver inventato il “Wall of Sound”, che introdusse nel pop i suoni imponenti delle orchestre.

Secondo il sito Tmz il produttore è deceduto per complicanze legate al Covid, aveva 81 anni e stava scontando una condanna all’ergastolo per l’assassinio di Lara Clarkson. Dopo aver trascorso tre decenni in semi-pensionamento, nel 2009, era stato condannato per l’ omicidio del 2003 dell’attrice.

Spector sostenne sempre che quello di Clarkson sia stato un «suicidio accidentale». La modella fu trovata morta nella casa di Spector a Los Angeles, uccisa da un colpo di pistola in testa. Fu condannato a 19 anni nel 2009, dopo due processi.

Spector è considerato tra le figure più influenti nella storia della musica pop. Nato nel Bronx, Spector ha iniziato la sua carriera nel 1958 come co-fondatore, chitarrista e cantante dei Teddy Bears, scrivendo il loro singolo numero uno negli Stati Uniti “ To Know Him Is to Love Him “. Nel 1960, ha co-fondato la Philles Records e, all’età di 21 anni, è diventato il più giovane proprietario di un’etichetta statunitense fino a quel momento.

Per tutti gli anni ’60, ha scritto, co-scritto o prodotto dischi per atti come Ronettes, The Crystals e Ike & Tina Turner. In genere collaborava con l’arrangiatore Jack Nitzsche, l’ingegnere Larry Levine e una house band de facto che in seguito divenne nota come “The Wrecking Crew “. Spector inizialmente si ritirò dall’industria musicale nel 1966.

Nel 1969, Spector tornò alla sua carriera e successivamente produsse l’album dei Beatles Let It Be (1970), oltre a diversi dischi da solista di John Lennon e George Harrison.

Verso la metà degli anni ’70, Spector aveva prodotto diciotto singoli nella Top 10 degli Stati Uniti per vari artisti, ma dopo il lavoro con Leonard Cohen, Dion DiMucci e i Ramones, rimase in gran parte inattivo e colpito problemi personali. 

Vincse il Grammy Award 1973 come Album of the Year per la co-produzione del concerto di Harrison  per il Bangladesh (1971), un ingresso nel 1989 nella Rock and Roll Hall of Fame e un ingresso nel 1997 nella Songwriters Hall of Fame. Nel 2004, la rivista Rolling Stone ha classificato Spector numero 63 nella lista dei più grandi artisti della storia.

Il 3 febbraio 2003, l’attrice Lana Clarkson è stata uccisa nella villa di Spector (il castello dei Pirenei) ad Alhambra, in California. Il suo corpo è stato trovato accasciato su una sedia con una singola ferita da arma da fuoco alla bocca con denti rotti sparsi sul tappeto. Spector disse a Esquire nel luglio 2003 che la morte di Clarkson fu un “suicidio accidentale ” e che lei “aveva baciato la pistola”.

La chiamata di emergenza dalla casa di Spector, fatta dall’autista di Spector, Adriano de Souza, citava Spector che diceva: “Penso di aver ucciso qualcuno” . De Souza disse di aver visto Spector uscire dalla porta sul retro della casa con una pistola in mano. 

redazione
Author

Write A Comment

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi